lunedì 05 dicembre | 20:16
pubblicato il 27/ago/2013 12:35

Terremoto/Umbria: Provincia Perugia, controllati edifici scolastici

(ASCA) - Perugia, 27 ago - La Provincia di Perugia con i propri tecnici, su indicazione del presidente Marco Vinicio Guasticchi e dell'assessore delegato alla Protezione civile, Roberto Bertini, ha avviato il servizio controllo costruzioni e si e' attivata sugli edifici scolastici del territorio interessato dal sisma. Al momento non sono stati registrati danni alle strutture. ''Il nostro servizio controllo costruzioni - dichiara Guasticchi - e' a disposizione del commissario prefettizio, Maria Luisa D'Alessandro per collaborare laddove si ritenesse necessaria la presenza dei nostri tecnici per effettuare i necessari sopralluoghi sugli edifici''. ''Sul fronte degli interventi post-sisma - spiega Bertini - i nostri uffici tecnici sono ormai collaudati e in grado di fornire in maniera tempestiva i dati relativi alla staticita' degli edifici in stretta collaborazione con la Protezione civile e le altre istituzioni territoriali''. pg/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari