martedì 21 febbraio | 15:55
pubblicato il 27/ago/2013 12:02

Terremoto/Umbria: Protezione Civile, situazione costantemente monitorata

(ASCA) - Perugia, 27 ago - Continuano le verifiche conseguenti l'evento sismico di magnitudo 3.7, registrato poco dopo mezzanotte nella zona di Gubbio con epicentro tra Gubbio e Mocaiana. Lo comunica la Protezione Civile della regione Umbria confermando che, al momento, nella sala Operativa non e' pervenuta alcuna segnalazione di danni. La scossa, percepita in senso prevalentemente ondulatorio, e' stata avvertita dalla popolazione a Gubbio, ma anche in molti comuni della fascia appenninica quali Costacciaro, Scheggia e Pascelupo, Sigillo, Gualdo Tadino ed anche in alcuni comuni dell'Altotevere come Pietralunga, Montone, Umbertide fino a Citta' di Castello. L'evento e' stato avvertito anche in alcuni comuni della Valle Umbra tra cui Assisi e Foligno. I tecnici Regionali, fin dai primi momenti successivi all'evento e per tutta la notte, hanno mantenuto i contatti con il Comune di Gubbio, con i Vigili del fuoco e i Carabinieri. L'ipocentro, continua il comunicato, e' stato localizzato in modo abbastanza superficiale a circa 8.6 Km.

e questo ha fatto si che la scossa e' stata avvertita in modo molto abbastanza forte dalla popolazione. Dopo il primo evento di maggiore intensita', sono seguite numerose repliche - circa 80 - nel corso della notte e della mattina.

L'evoluzione del fenomeno sismico caratterizzato dalla presenza di numerose scosse di modesta intensita' viene comunemente interpretato dai tecnici in senso positivo poiche' garantisce una graduale e progressiva dissipazione dell' energia sismica. Il Sistema Regionale della Protezione Civile, tramite le sue strutture tecniche, segue costantemente l'evoluzione della situazione con continue verifiche e controlli. Sono gia' stati attivati i primi controlli sugli edifici scolastici della Provincia a cura dei propri tecnici ed sugli altri edifici sensibili a cura di dei tecnici regionali e del Comune di Gubbio. E' altresi' in fase di organizzazione una prima serie di sopralluoghi da parte dei geologi della Regione per verificare l'eventuale attivazione di dissesti o movimenti franosi. E' previsto nella mattinata un incontro al Comune di Gubbio alla presenza di tutte le strutture della Protezione Civile e delle Forze dell'Ordine, all'esito del quale sara' possibile fare il punto sulla situazione e sulle eventuali misure da adottare ivi compresa l'apertura, a scopo precauzionale, del Centro Operativo Comunale (COC) di Protezione Civile.

pg/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia