domenica 26 febbraio | 16:26
pubblicato il 01/feb/2013 12:16

Terremoto: sindaco Fabbriche V., dopo L'Aquila qualcuno voleva pararsi

(ASCA) - Roma, 1 feb - ''Qui qualcuno voleva pararsi. Dopo quello che e' successo con la Commissione grandi rischi de L'Aquila, penso che in questo caso qualcuno abbia voluto mettersi al riparo dai guai. D'altronde e' la prima volta che abbiamo un allerta preventivo per un terremoto in Italia. Ma non funziona cosi', non puo' essere cosi': i sindaci sono stati lasciati soli, e i diversi livelli hanno scaricato, ma non si sono assunti le proprie responsabilita'''. Non nasconde la polemica in una dichiarazione al sito dell'Anci il sindaco di Fabbriche di Vallico e presidente di Uncem Toscana, Oreste Giurlani. Lui e' uno dei primi cittadini della Valle del Serchio (epicentro del fenomeno sismico in Garfagnana) che ieri si sono visti recapitare il fax con l'allerta terremoto: ''La comunicazione arrivava dalla Protezione civile nazionale, ci diceva di stare in massima allerta perche' si prevedevano forti scosse di terremoto''.

Da allora, pero', ''siamo stati lasciati completamente soli.

Come sindaci, ci siamo riuniti e abbiamo pensato che dovevamo innanzitutto avvertire i cittadini''. Da qui la mobilitazione, che pero' non e' avvenuta solo tramite i social network: ''I nostri volontari e le associazioni hanno fatto un grande lavoro con il porta a porta'', ricorda il sindaco. Ad ogni modo ''ci siamo ritrovati - prosegue Giurlani - a gestire un lavoro immane per sistemare i nostri cittadini in strutture protette: dei 700 abitanti del mio Comune, ne abbiamo prelevati 380 dalle case, tra cui anche disabili e anziani, per sistemarli in una scuola a norma e in tre edifici che ho requisito''. Solo questo pomeriggio arrivera' nella zona il Capo della Protezione civile Gabrielli: ''Forse ci dira' che l'allarme di ieri era un po' troppo, dato che gia' alle 4 della notte un'altra comunicazione lo ridimensionava. Ma adesso chi se la sentira' di abbassare la guardia? Dobbiamo dire ai cittadini se possono tornare nelle loro case. Oppure predisporre un sistema di accoglienza che sia piu' organizzato''. Ad ogni modo, conclude il primo cittadino, ''quella di stanotte e' l'ulteriore prova che bisogna rimettere mano al sistema di Protezione civile del Paese: definire i ruoli e non lasciare soli i sindaci, in questi casi, e' la priorita' assoluta''.

com/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech