lunedì 16 gennaio | 23:06
pubblicato il 20/ago/2013 12:03

Terremoto: Protezione civile, disponibili fondi 2012 per prevenzione

Terremoto: Protezione civile, disponibili fondi 2012 per prevenzione

(ASCA) - Roma, 20 ago - Firmato ieri il decreto per l'erogazione di 185 milioni di euro sulla base di quanto stabilito dal decreto del capo del dipartimento della protezione civile del 15 aprile 2013: in attuazione a quanto previsto dal Piano nazionale per la prevenzione del rischio sismico, il decreto aveva ripartito i contributi per gli interventi di prevenzione del rischio sismico relativi all'anno 2012 tra 17 regioni italiane sulla base dell'indice medio di rischio sismico. Lo comunica la protezione civile in una nota.

In particolare, sui 185 milioni di contributi disponibili per l'anno 2012, il decreto ne assegna complessivamente 169,1 (il 91,4% del totale) per interventi di rafforzamento locale o miglioramento sismico (o, eventualmente, demolizione e ricostruzione) su edifici ed opere pubbliche d'interesse strategico per finalita' di protezione civile, nonche' su edifici privati; 15,9 milioni (l'8,6%) sono invece destinati a finanziare studi di microzonazione sismica utili a una migliore conoscenza del territorio.

Calabria, Sicilia e Campania (cui sono stati destinati rispettivamente 26,4, 25,9 e 25,6 milioni) hanno ricevuto i contributi piu' cospicui, calcolati sulla base dell'indice di rischio, che tiene conto della pericolosita' del territorio e della vulnerabilita' degli edifici e delle infrastrutture, con l'obiettivo prioritario della riduzione della perdita di vite umane; il decreto assegna poi 13,4 milioni all'Abruzzo e 11,4 milioni sia all' Emilia-Romagna che al Lazio. Molise, Umbria, Marche, Basilicata, Puglia, Toscana, Veneto e Friuli-Venezia Giulia hanno ricevuto finanziamenti dai 9,4 ai 6,5 milioni, mentre Lombardia, Liguria e Piemonte hanno ricevuto rispettivamente, 2,1, 1,9 e 1,4 milioni di euro.

  Secondo quanto riportato dalla protezione civile, i contributi statali sono concessi alle regioni che cofinanziano la spesa per almeno il 25% del costo degli studi di microzonazione. La parte dedicata agli interventi strutturali sara' compresa tra un minimo del 20% e un massimo del 40%, dedicata agli edifici privati.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello