domenica 26 febbraio | 05:23
pubblicato il 20/ago/2013 12:03

Terremoto: Protezione civile, disponibili fondi 2012 per prevenzione

Terremoto: Protezione civile, disponibili fondi 2012 per prevenzione

(ASCA) - Roma, 20 ago - Firmato ieri il decreto per l'erogazione di 185 milioni di euro sulla base di quanto stabilito dal decreto del capo del dipartimento della protezione civile del 15 aprile 2013: in attuazione a quanto previsto dal Piano nazionale per la prevenzione del rischio sismico, il decreto aveva ripartito i contributi per gli interventi di prevenzione del rischio sismico relativi all'anno 2012 tra 17 regioni italiane sulla base dell'indice medio di rischio sismico. Lo comunica la protezione civile in una nota.

In particolare, sui 185 milioni di contributi disponibili per l'anno 2012, il decreto ne assegna complessivamente 169,1 (il 91,4% del totale) per interventi di rafforzamento locale o miglioramento sismico (o, eventualmente, demolizione e ricostruzione) su edifici ed opere pubbliche d'interesse strategico per finalita' di protezione civile, nonche' su edifici privati; 15,9 milioni (l'8,6%) sono invece destinati a finanziare studi di microzonazione sismica utili a una migliore conoscenza del territorio.

Calabria, Sicilia e Campania (cui sono stati destinati rispettivamente 26,4, 25,9 e 25,6 milioni) hanno ricevuto i contributi piu' cospicui, calcolati sulla base dell'indice di rischio, che tiene conto della pericolosita' del territorio e della vulnerabilita' degli edifici e delle infrastrutture, con l'obiettivo prioritario della riduzione della perdita di vite umane; il decreto assegna poi 13,4 milioni all'Abruzzo e 11,4 milioni sia all' Emilia-Romagna che al Lazio. Molise, Umbria, Marche, Basilicata, Puglia, Toscana, Veneto e Friuli-Venezia Giulia hanno ricevuto finanziamenti dai 9,4 ai 6,5 milioni, mentre Lombardia, Liguria e Piemonte hanno ricevuto rispettivamente, 2,1, 1,9 e 1,4 milioni di euro.

  Secondo quanto riportato dalla protezione civile, i contributi statali sono concessi alle regioni che cofinanziano la spesa per almeno il 25% del costo degli studi di microzonazione. La parte dedicata agli interventi strutturali sara' compresa tra un minimo del 20% e un massimo del 40%, dedicata agli edifici privati.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech