sabato 10 dicembre | 23:44
pubblicato il 20/ago/2013 12:03

Terremoto: Protezione civile, disponibili fondi 2012 per prevenzione

Terremoto: Protezione civile, disponibili fondi 2012 per prevenzione

(ASCA) - Roma, 20 ago - Firmato ieri il decreto per l'erogazione di 185 milioni di euro sulla base di quanto stabilito dal decreto del capo del dipartimento della protezione civile del 15 aprile 2013: in attuazione a quanto previsto dal Piano nazionale per la prevenzione del rischio sismico, il decreto aveva ripartito i contributi per gli interventi di prevenzione del rischio sismico relativi all'anno 2012 tra 17 regioni italiane sulla base dell'indice medio di rischio sismico. Lo comunica la protezione civile in una nota.

In particolare, sui 185 milioni di contributi disponibili per l'anno 2012, il decreto ne assegna complessivamente 169,1 (il 91,4% del totale) per interventi di rafforzamento locale o miglioramento sismico (o, eventualmente, demolizione e ricostruzione) su edifici ed opere pubbliche d'interesse strategico per finalita' di protezione civile, nonche' su edifici privati; 15,9 milioni (l'8,6%) sono invece destinati a finanziare studi di microzonazione sismica utili a una migliore conoscenza del territorio.

Calabria, Sicilia e Campania (cui sono stati destinati rispettivamente 26,4, 25,9 e 25,6 milioni) hanno ricevuto i contributi piu' cospicui, calcolati sulla base dell'indice di rischio, che tiene conto della pericolosita' del territorio e della vulnerabilita' degli edifici e delle infrastrutture, con l'obiettivo prioritario della riduzione della perdita di vite umane; il decreto assegna poi 13,4 milioni all'Abruzzo e 11,4 milioni sia all' Emilia-Romagna che al Lazio. Molise, Umbria, Marche, Basilicata, Puglia, Toscana, Veneto e Friuli-Venezia Giulia hanno ricevuto finanziamenti dai 9,4 ai 6,5 milioni, mentre Lombardia, Liguria e Piemonte hanno ricevuto rispettivamente, 2,1, 1,9 e 1,4 milioni di euro.

  Secondo quanto riportato dalla protezione civile, i contributi statali sono concessi alle regioni che cofinanziano la spesa per almeno il 25% del costo degli studi di microzonazione. La parte dedicata agli interventi strutturali sara' compresa tra un minimo del 20% e un massimo del 40%, dedicata agli edifici privati.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina