venerdì 09 dicembre | 05:32
pubblicato il 19/giu/2012 09:39

Terremoto, Ligabue: lo Stato deve dire "noi ci siamo" -VideoDoc

Per il cantante è importante che la gente "non si senta sola"

Terremoto, Ligabue: lo Stato deve dire "noi ci siamo" -VideoDoc

Napoli, (askanews) - "Credo che in questi casi le istituzioni debbano fare che chi è stato colpito non si senta solo, che lo Stato dica noi ci siamo". Così Luciano Ligabue, a Napoli per la presentazione del suo concerto del 20 luglio, commenta il terremoto che ha colpito la sua regione, l'Emilia Romagna. "Io abito a 12 chilometri in linea d'aria dall'epicentro e tuttora chi vive nella mia cittadina in buona parte dorme in tenda. Abbiamo avuto delle lesioni nelle chiese e qualche palazzina evacuata, niente a che vedere con la tragedia vera. in questo momento la sensazione che si è ricevuta da chi è stato colpito è di grandissima dignità.

Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni