lunedì 16 gennaio | 23:45
pubblicato il 30/mag/2012 09:03

Terremoto, la notte in strada delle famiglie di sfollati

Voci da Mirandola: "Meglio dormire in macchina"

Terremoto, la notte in strada delle famiglie di sfollati

Mirandola (askanews) - Una notte in macchina, per paura di altre scosse. La gente di Mirandola, raccolta intorno al centro di accoglienza allestito anche dalla Protezione civile del Friuli, è rimasta in strada per la prima notte dopo il nuovo sciame sismico che ha sconvolto l'Emilia. Le loro voci ci parlano di paura, ma anche della voglia di non rassegnarsi. A rendere ancora più difficile la situazione complessiva, arriva anche una previsione dei sismologi, che ipotizzano scosse che potrebbero continuare anche per anni.

Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello