domenica 04 dicembre | 05:19
pubblicato il 30/lug/2013 12:00

Terremoti/ Nella notte nuova scossa 2.6 in Lunigiana

Vibrazioni anche nel senese e in Puglia sul Gargano

Terremoti/ Nella notte nuova scossa 2.6 in Lunigiana

Roma, 30 lug. (askanews) - Trema ancora la terra fra Apuane e Lunigiana. Alle 3,35 di questa notte l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato una scossa di intensità 2.6 di magnitudo nella Toscana settentrionale, tra Massa e Carrara. Il terremoto ha colpito il distretto sismico ha avuto ipocentro di 3.2 km ed epicentro nei pressi dei Comuni di Casola in Lunigiana (Ms), Fivizzano (Ms), Giuncugnano (Lu) e Minucciano (Lu). In precedenza, all'1,53 , l'Ing aveva registrato unna lieve scossa di magnitudo 2 sempre in Toscana, tra le province di Siena e Grosseto. Il sisma ha avuto ipocentro a 5,7 km di profondità ed epicentro in prossimità del comune senese di Chiusdino e di quello grossetano di Montieri. Non si sono registrati danni a persone o cose. Una lieve scossa di terremoto di magnitudo 2.1, infine, è stata registrata alle 2,07 di questa mattina anche sul promontorio del Gargano. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia , il sisma ha avuto ipocentro a 23,8 km di profondità ed epicentro in prossimità del comune pugliese di Manfredonia, di Manfredonia. E anche in questo caso non sono stati riscontrati danni a persone o cose.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari