giovedì 19 gennaio | 10:17
pubblicato il 21/mag/2012 07:32

Terremoti/ L'Emilia trema ancora, salgono a sette le vittime

Nella notte tre scosse. Centinaia le persone in auto o in tenda

Terremoti/ L'Emilia trema ancora, salgono a sette le vittime

Modena, 21 mag. (askanews) - Trema ancora nella notte l'Emilia Romagna: a ventiquattr'ore di distanza dalla prima scossa che ha reso inagibili migliaia di case, fatto crollare fabbriche, chiese ed edifici pubblici e ha provocato la morte di sette persone, questa notte si sono registrate almeno altre tre scosse di oltre 3,5 di magnitudo. Nonostante la macchina organizzatrice della Protezione civile si sia immediatamente messa in moto, centinaia sono le famiglie tra Modena e Ferrara che non hanno ancora trovato collocazione nelle tendopoli o nelle prime strutture di soccorso e hanno deciso di passare la notte in auto o in sistemazioni di fortuna. C'è chi ha installato davanti a casa dei gazebo e si è coperto con panni e vestiti invernali, ma le condizioni meteo sono da ieri peggiorate e le previsioni parlano di piogge ancora per tutta la giornata di oggi. Secondo le prime stime delle istituzioni locali, in Emilia sono circa tremila gli sfollati. La prima scossa che ha fatto fermare gli orologi di molte piazze dell'Emilia è stata avvertita ieri poco dopo le 4: è stata di magnitudo 6, con epicentro a 36 chilometri a nord di Bologna, nella bassa delle province di Modena e Ferrara, ma è stata avvertita in tutto il nord Italia. I comuni più colpito sono stati Finale Emilia, nel modenese e Sant'Agostino, nel ferrarese. A Bondeno la prima vittima accertata: si tratta di Tarik Naouch, di origine marocchina di 29 anni, morto nella frazione di Ponte Rodoni durante il crollo che ha interessato lo stabilimento Ursa, che produce polistirolo. Nicola Cavicchi, di 35 anni, residente a San Martino, frazione di Ferrara, è rimasto schiacciato sotto il crollo della fabbrica Ceramiche di Sant'Agostino, nel Comune di Sant'Agostino; nella stessa ditta è morto Leonardo Ansaloni, di 51 anni, residente a Reno Centese in provincia di Ferrara. Un altro operaio, Gerardo Cesaro, di 59 anni, residente a Molinella, ha perso la vita, sempre a Sant'Agostino, per il crollo di un capannone della Tecopress di Dosso. Sempre a Sant'Agostino è deceduta, colpita da un calcinaccio, Nerina Balboni di 103 anni. In provincia di Bologna una cittadina tedesca, Gabi Ehsemann, si è sentita male nei minuti immediatamente successivi alla forte scossa. A Vigarano Mainarda, nel ferrarese, una donna di 86 anni, Anna Abeti, ha avuto un ictus dopo il sisma ed è deceduta dopo il ricovero all'ospedale. (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina