sabato 03 dicembre | 06:26
pubblicato il 21/mag/2012 07:32

Terremoti/ L'Emilia trema ancora, salgono a sette le vittime

Nella notte tre scosse. Centinaia le persone in auto o in tenda

Terremoti/ L'Emilia trema ancora, salgono a sette le vittime

Modena, 21 mag. (askanews) - Trema ancora nella notte l'Emilia Romagna: a ventiquattr'ore di distanza dalla prima scossa che ha reso inagibili migliaia di case, fatto crollare fabbriche, chiese ed edifici pubblici e ha provocato la morte di sette persone, questa notte si sono registrate almeno altre tre scosse di oltre 3,5 di magnitudo. Nonostante la macchina organizzatrice della Protezione civile si sia immediatamente messa in moto, centinaia sono le famiglie tra Modena e Ferrara che non hanno ancora trovato collocazione nelle tendopoli o nelle prime strutture di soccorso e hanno deciso di passare la notte in auto o in sistemazioni di fortuna. C'è chi ha installato davanti a casa dei gazebo e si è coperto con panni e vestiti invernali, ma le condizioni meteo sono da ieri peggiorate e le previsioni parlano di piogge ancora per tutta la giornata di oggi. Secondo le prime stime delle istituzioni locali, in Emilia sono circa tremila gli sfollati. La prima scossa che ha fatto fermare gli orologi di molte piazze dell'Emilia è stata avvertita ieri poco dopo le 4: è stata di magnitudo 6, con epicentro a 36 chilometri a nord di Bologna, nella bassa delle province di Modena e Ferrara, ma è stata avvertita in tutto il nord Italia. I comuni più colpito sono stati Finale Emilia, nel modenese e Sant'Agostino, nel ferrarese. A Bondeno la prima vittima accertata: si tratta di Tarik Naouch, di origine marocchina di 29 anni, morto nella frazione di Ponte Rodoni durante il crollo che ha interessato lo stabilimento Ursa, che produce polistirolo. Nicola Cavicchi, di 35 anni, residente a San Martino, frazione di Ferrara, è rimasto schiacciato sotto il crollo della fabbrica Ceramiche di Sant'Agostino, nel Comune di Sant'Agostino; nella stessa ditta è morto Leonardo Ansaloni, di 51 anni, residente a Reno Centese in provincia di Ferrara. Un altro operaio, Gerardo Cesaro, di 59 anni, residente a Molinella, ha perso la vita, sempre a Sant'Agostino, per il crollo di un capannone della Tecopress di Dosso. Sempre a Sant'Agostino è deceduta, colpita da un calcinaccio, Nerina Balboni di 103 anni. In provincia di Bologna una cittadina tedesca, Gabi Ehsemann, si è sentita male nei minuti immediatamente successivi alla forte scossa. A Vigarano Mainarda, nel ferrarese, una donna di 86 anni, Anna Abeti, ha avuto un ictus dopo il sisma ed è deceduta dopo il ricovero all'ospedale. (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari