mercoledì 07 dicembre | 17:16
pubblicato il 25/lug/2011 16:16

Terremoti/ Ingv: normale attività sismica, magnitudo modesta

Profondità 25 km, per questo avvertita anche a Torino

Terremoti/ Ingv: normale attività sismica, magnitudo modesta

Roma, 25 lug. (askanews) - La scossa sismica registrata oggi nella provincia di Torino ha toccato magnitudo 4.3 e, secondo i primi rilievi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è avvenuto ad una profondità di 25 chilometri, nel distretto sismico delle Alpi Cozie, con epicentro nei Comuni di Cantalupa, Pinasca e Cumiana. "Dal punto di vista del meccanismo sismico è presto per dire che tipo di terremoto sia stato, ma in ogni caso stiamo parlando della normale attività sismica della penisola italiana, niente di anomalo", sottolinea Antonio Piersanti, funzionario della sala simica dell'Ingv, che ha rilevato la scossa delle 14.31, ora italiana. "Sappiamo - aggiunge il funzionario - che viviamo in una nazione altamente sismica e questo è un terremoto che non dovrebbe destare particolari problemi, si tratta di una magnitudo modesta che non in un Paese avanzato non deve provocare alcun tipo di danno". In particolare la zona interessata dalla scossa "è soggetta ad una certa sismicità. Un evento normale per la zona in cui è avvenuto. Non era attiva una sequenza sismica e per ora non abbiamo registrato repliche significative." Nella mappa di pericolosità sismica i comuni epicentro sono a cavallo di diverse aree, classificati in zona 3 dal punto di vista della pericolosità simica, dove gli scuotimenti sismici sono definiti "modesti". "Non è quindi una zona a pericolosità sismica alta o altissima", spiega il funzionario dell'Ingv, sottolineando però: "Con ciò non si escludono terremoti, soprattutto della magnitudo registrata oggi. Storicamente nella zona epicentro della scossa è stata registrata attività sismica intorno e anche superiore a magnitudo 5". La profondità registrata oggi, secondo i primi rilievi, è di 25 chilometri: "E' un terremoto profondo - spiega Piersanti - e naturalmente questo tipo di profondità fa sì che la zona di risentimento sia più ampia. Per questo il terremoto è stato sentito bene anche a Torino e a qualche decina di chilometri di distanza dall'epicentro. Con una magnitudo intorno a 4 ma con una scossa a profondità meno levata, ad esempio 4 km, le vibrazioni sono più forti, ma l'area in cui si avvertono più ristretta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Papa
Papa: Stato laico meglio che confessionale, ma no laicismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni