mercoledì 18 gennaio | 21:43
pubblicato il 25/lug/2011 16:16

Terremoti/ Ingv: normale attività sismica, magnitudo modesta

Profondità 25 km, per questo avvertita anche a Torino

Terremoti/ Ingv: normale attività sismica, magnitudo modesta

Roma, 25 lug. (askanews) - La scossa sismica registrata oggi nella provincia di Torino ha toccato magnitudo 4.3 e, secondo i primi rilievi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è avvenuto ad una profondità di 25 chilometri, nel distretto sismico delle Alpi Cozie, con epicentro nei Comuni di Cantalupa, Pinasca e Cumiana. "Dal punto di vista del meccanismo sismico è presto per dire che tipo di terremoto sia stato, ma in ogni caso stiamo parlando della normale attività sismica della penisola italiana, niente di anomalo", sottolinea Antonio Piersanti, funzionario della sala simica dell'Ingv, che ha rilevato la scossa delle 14.31, ora italiana. "Sappiamo - aggiunge il funzionario - che viviamo in una nazione altamente sismica e questo è un terremoto che non dovrebbe destare particolari problemi, si tratta di una magnitudo modesta che non in un Paese avanzato non deve provocare alcun tipo di danno". In particolare la zona interessata dalla scossa "è soggetta ad una certa sismicità. Un evento normale per la zona in cui è avvenuto. Non era attiva una sequenza sismica e per ora non abbiamo registrato repliche significative." Nella mappa di pericolosità sismica i comuni epicentro sono a cavallo di diverse aree, classificati in zona 3 dal punto di vista della pericolosità simica, dove gli scuotimenti sismici sono definiti "modesti". "Non è quindi una zona a pericolosità sismica alta o altissima", spiega il funzionario dell'Ingv, sottolineando però: "Con ciò non si escludono terremoti, soprattutto della magnitudo registrata oggi. Storicamente nella zona epicentro della scossa è stata registrata attività sismica intorno e anche superiore a magnitudo 5". La profondità registrata oggi, secondo i primi rilievi, è di 25 chilometri: "E' un terremoto profondo - spiega Piersanti - e naturalmente questo tipo di profondità fa sì che la zona di risentimento sia più ampia. Per questo il terremoto è stato sentito bene anche a Torino e a qualche decina di chilometri di distanza dall'epicentro. Con una magnitudo intorno a 4 ma con una scossa a profondità meno levata, ad esempio 4 km, le vibrazioni sono più forti, ma l'area in cui si avvertono più ristretta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina