lunedì 20 febbraio | 13:14
pubblicato il 22/giu/2013 12:00

Terremoti/ In mille hanno dormito all'aperto in Lunigiana

Contenuti i danni agli edifici, tanta la paura tra le persone

Terremoti/ In mille hanno dormito all'aperto in Lunigiana

Fivizzano (Ms), 22 giu. (askanews) - Circa mille persone, secondo una prima stima approssimativa, hanno dormito all'aperto, la notte scorsa, nei paesi della Lunigiana, colpiti da uno sciame sismico, che ha gettato le popolazioni locali nella paura. Relativamente contenuti i danni materiali. Gli edifici più colpiti sono antichi, per lo più rurali e certamente non a norma antisismica. Ma è tanta la paura, provocata dalla prima scossa, quella più forte, delle 12.33 di ieri. Con i 5,2 gradi di magnitudo, è stata avvertita, raccontano in molti "come una grande esplosione". Un boato che ha fatto tremare la terra, seguito da altre 70 scosse. La più forte proprio questa notte, di 3,4 gradi alle 3.56. Un motivo in più di angoscia per le 200 persone che hanno dormito ai campi di accoglienza di Fivizzano e Casola. Altre 800 hanno però dormito in automobile, o nelle tende improvvisate nei cortili di casa. Intanto, secondo gli esperti, le scosse di assestamento potrebbero durare un'intera settimana.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia