venerdì 24 febbraio | 21:07
pubblicato il 18/mag/2013 13:06

Terra Futura: da rapporto Legambiente su animali in citta' luci e ombre

(ASCA) - Firenze, 18 mag - In Italia circa il 75,8% dei Comuni presi in esame da Legambiente conosce il numero dei cani iscritti nel 2011 all'anagrafe canina, mentre il 55,1% ha censito le strutture dedicate agli animali d'affezione e dispone sul territorio di strutture per ospitare cani vaganti. A rilevarlo e' la seconda edizione del 'Rapporto Animali in citta'', l'indagine di Legambiente dedicata ai servizi e alle attivita' dei Comuni capoluogo di provincia per la tutela e la gestione degli animali, realizzata attraverso un questionario inviato a 104 Amministrazioni comunali e a cui hanno risposto 87 Comuni, circa l'83,6%.

Dall'indagine, presentata questa mattina a Firenze in occasione di Terra Futura, emerge un quadro di luci e ombre.

Il 65,5% dei capoluoghi ha poi un piano di tutela e controllo delle colonie feline ed il 68,9% consente ai cittadini di viaggiare sui mezzi pubblici con i propri animali. Sono, invece, troppo pochi i Comuni che realizzano campagne d'informazione sull'anagrafe canina e attivita' di promozione della microchippatura, fondamentali per ridurre significativamente il rischio di abbandono e calibrare al meglio i servizi offerti sulla base del numero degli animali presenti in citta'. Solo il 43,6% ha, infatti, realizzato nel 2011 campagne d'informazione sull'anagrafe canina e il 48,2% ha promosso attivita' di microchippatura. Ed ancora solo il 45,9% ha un apposito nucleo di polizia municipale per la vigilanza della corretta gestione degli animali in citta'.

Negativi i dati sulla conoscenza della biodiversita' animale in citta': solo il 26,4% la conosce e puo' quindi gestire al meglio aree verdi urbane e prevenire zoonosi e/o conflitti con altre attivita' cittadine.

''Anche in questa seconda edizione di Animali in citta' - dichiara Antonino Morabito, responsabile nazionale Fauna e Benessere animale Legambiente - non abbiamo stilato una classifica dei Comuni, ma abbiamo individuato le Amministrazioni che offrono ai cittadini e ai loro fedeli amici servizi di qualita' e posto in evidenza le esperienze piu' strutturate che possono essere da esempio per altri municipi. Tra i capoluoghi di provincia che si distinguono per le buone pratiche a tutela e difesa degli amici a quattro zampe dal rapporto emergono, oltre Genova, Parma, Prato e Pordenone, anche le citta' di Padova, Forli' e Ferrara per informazione e servizi offerti tramite sito istituzionale, Ravenna per la conoscenza della biodiversita' animale in citta', Udine, Cremona e Torino per la pluralita' dei servizi e Pesaro per l'esperienza dei cani di quartiere''.

afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech