domenica 04 dicembre | 19:40
pubblicato il 17/mag/2013 19:41

Terra Futura: da Firenze proposta 'Legge del seme' per biodiversita'

Terra Futura: da Firenze proposta 'Legge del seme' per biodiversita'

(ASCA) - Firenze, 17 mag - Una 'legge del seme' per rimettere al centro dei sistemi scientifici e giuridici delle norme sementiere le leggi biologiche ed ecologiche della natura, come la diversita' e l'adattamento. Oggi a 'Terra Futura' (in corso fino a domenica alla Fortezza da Basso di Firenze) ha fatto la sua seconda tappa la 'Campagna globale sulla liberta' dei semi' di Vandana Shiva, la piu' autorevole teorica dell'ecologia sociale: l'iniziativa e' promossa da Navdanya International, di cui la scienziata indiana e' fondatrice, in collaborazione con la Regione Toscana (la prima ad aver sancito con legge la proprieta' collettiva sulle varieta' locali, tutelandole dai brevetti delle multinazionali) e Banca popolare Etica.

La campagna intende rendere maggiormente consapevoli le persone, comunita', istituzioni e governi sul grave rischio per il futuro della sicurezza alimentare del pianeta, in pericolo per la scomparsa dei semi locali e, dall'altro lato, per la proliferazione di brevetti e leggi che favoriscono monocolture, monopoli, e privatizzazioni.

A rafforzare la collaborazione tra l'associazione e la banca c'e' ora anche un protocollo, presentato proprio stamattina a Terra Futura, che ha l'obiettivo di consolidare alleanze per salvare i semi, la biodiversita', i diritti degli agricoltori di autoprodurre e scambiare le sementi, per puntare a sistemi agricoli basati sulla sovranita' alimentare, in armonia con la natura.

A Firenze si sono anche riuniti gli esperti internazionali del gruppo di lavoro sulla 'Legge del seme', sotto la guida della Shiva: chiedono di rimettere al centro dei sistemi scientifici e giuridici delle norme sementiere le leggi biologiche ed ecologiche della natura, come la diversita' e l'adattamento.

''La nostra legge del seme mira a cambiare il paradigma attuale - spiega Vandana Shiva -. Esiste una normativa a livello europeo che impedisce agli agricoltori di usare i propri semi e infrange, quindi, la sovranita' del seme.

L'unico modo per proteggere gli agricoltori e i posti di lavoro e tutelare la diversita' e il cibo, e' lottare per la sovranita' delle sementi''.

afe/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari