martedì 21 febbraio | 15:18
pubblicato il 12/nov/2013 14:55

Terra dei fuochi: blitz della Forestale. Sequestro ortaggi in 13 aziende

(ASCA) - Napoli, 12 nov - Ancora un intervento, un blitz in questo caso, nella Terra dei Fuochi, l'area tristemente nota tra Napoli e Caserta dove sono stati ritrovati rifiuti pericolosi sepolti in campagne coltivate. Ad agire questa volta e' stato il Corto Forestale dello Stato, sotto la guida del generale Sergio Costa, in un'area di campagna ampia 430mila metri quadrati tra Sammereto e Pascarola nel comune di Caivano (Napoli). Seguendo la falda freatica, i forestali hanno individuato e sequestrato 13 pozzi avvelenati, anche da un'alta concentrazione di cloroformio (triclorometano) situati fra campi seminati e pronti per la raccolta di ortaggi. Centinaia di chili di insalate, cavoli, broccoli e zucchine finiranno al macero. Con il sequestro di oggi la cittadina di Caivano conquista il triste primato di maggior numero di metri quadrati sequestrati in tutta la Terra dei Fuochi arrivando alla cifra di 600mila metri quadrati.

dqu/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia