venerdì 09 dicembre | 02:49
pubblicato il 11/apr/2011 17:00

Tenuta Castelporziano, a giudizio Gaetano Gifuni e altri 4

Uno degli imputati ha patteggiato 5 anni di pena per peculato

Tenuta Castelporziano, a giudizio Gaetano Gifuni e altri 4

Roma, 11 apr. (askanews) - A giudizio. L'ex segretario generale della presidenza della Repubblica, Gaetano Gifuni, sarà processato in relazione al presunto sperpero dei fondi destinati dal Quirinale alla Tenuta di Castelporziano. Il gup Maurizio Caivano, in completo accoglimento delle richieste del pm Sergio Colaiocco, ha mandato a giudizio anche altre 4 persone. Abuso d'ufficio, peculato, truffa, falso materiale e falso ideologico, i reati contestati a vario titolo. Il processo comincerà l'11 luglio prossimo davanti ai giudici dell'VIII sezione penale. Oggi, davanti al giudice, è stato definito il patteggiamento, a 5 anni di reclusione, di cui tre condonati grazie all'indulto, per Gianni Gaetano, uno dei cassieri-contabili della Tenuta. Gifuni è coinvolto anche per il nipote acquisito Luigi Tripodi, ex capo del Servizio Tenute e Giardini del segretariato generale della presidenza della Repubblica. In base all'imputazione formulata dal pm Colaiocco Gifuni rispondeva di abuso d'ufficio perché "su istigazione e in concorso" con Tripodi, "dopo aver appositamente ricostituito nel dicembre 1993 il Servizio Tenute e Giardini e preposto Tripodi (figlio della sorella della moglie) a capo dello stesso, intenzionalmente gli procurava un vantaggio patrimoniale quale l'indebita assegnazione di un alloggio di servizio (villa abusivamente realizzata con oltre 180 mq con giardino) all'interno della tenuta". Il peculato era contestato ai due perché "nell'esclusivo interesse del Gifuni, utilizzavano materiale acquistato dalla Tenuta, per la falegnameria interna, per la realizzazione, e posa in opera di un armadio bianco, di un secondo armadio, con ante scorrevoli, di un tavolino e, infine, di una tettoia parasole all'interno dell'appartamento privato di Gifuni in via Valadier". In relazione a quest'ultimo episodio ai due si contestava un altro abuso di ufficio: Gifuni, su istigazione e in concorso con Tripodi, avrebbe affidato ai dipendenti in servizio presso la Tenuta "incarichi non compresi nei doveri d'ufficio" richiedendo in orario di servizio e in più occasioni a sei elementi della maestranza la realizzazione di quei lavori di falegnameria presso l'abitazione di via Valadier.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni