venerdì 24 febbraio | 03:02
pubblicato il 12/dic/2011 20:31

Tentata estorsione e danneggiamenti, due arresti nel Vibonese

Noto imprenditore si ribella e denuncia i due estorsori

Tentata estorsione e danneggiamenti, due arresti nel Vibonese

Vibo Valentia (askanews) - Un imprenditore vibonese vittima di continue minacce ha avuto il coraggio di ribellarsi e di denunciare i suoi estorsori. Così sono finiti in manette Antonio Campisi, 23 anni, e Nicola Vittorio Drommi di 22: noti alle forze dell'ordine, sono figli, rispettivamente, di Domenico Campisi e Salvatore Drommi, il primo ucciso in un agguato nel giugno scorso, il secondo scomparso per lupara bianca nel 2010. Secondo i Carabinieri di Nicotera, i due sono responsabili di tentata estorsione aggravata e continuata e di danneggiamento nei confronti del titolare dell'impresa per l'imbottigliamento di acqua minerale. Secondo l'accusa, i due vicini alla cosca dei Mancuso di Limbadi, hanno anche esploso una cinquantina di colpi di pistola contro l'abitazione e la sede dell'impresa della vittima.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech