venerdì 09 dicembre | 18:55
pubblicato il 12/dic/2011 20:31

Tentata estorsione e danneggiamenti, due arresti nel Vibonese

Noto imprenditore si ribella e denuncia i due estorsori

Tentata estorsione e danneggiamenti, due arresti nel Vibonese

Vibo Valentia (askanews) - Un imprenditore vibonese vittima di continue minacce ha avuto il coraggio di ribellarsi e di denunciare i suoi estorsori. Così sono finiti in manette Antonio Campisi, 23 anni, e Nicola Vittorio Drommi di 22: noti alle forze dell'ordine, sono figli, rispettivamente, di Domenico Campisi e Salvatore Drommi, il primo ucciso in un agguato nel giugno scorso, il secondo scomparso per lupara bianca nel 2010. Secondo i Carabinieri di Nicotera, i due sono responsabili di tentata estorsione aggravata e continuata e di danneggiamento nei confronti del titolare dell'impresa per l'imbottigliamento di acqua minerale. Secondo l'accusa, i due vicini alla cosca dei Mancuso di Limbadi, hanno anche esploso una cinquantina di colpi di pistola contro l'abitazione e la sede dell'impresa della vittima.

Gli articoli più letti
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina