sabato 25 febbraio | 13:03
pubblicato il 14/giu/2012 13:22

Tbc/ Contagio all'Umberto I, Pm Roma indaga per epidemia colposa

Delega ai carabinieri del Nas. Verifiche a carico di ignoti

Tbc/ Contagio all'Umberto I, Pm Roma indaga per epidemia colposa

Roma, 14 giu. (askanews) - Epidemia colposa. Per quest'ipotesi di reato, al momento a carico di ignoti, la Procura di Roma ha aperto una inchiesta rispetto al contagio da "tubercolosi bacillifera" di una donna originaria del Bangladesh, che ha partorito al Policlinico Umberto I l'11 marzo scorso. L'aggiunto Leonardo Frisani coordinerà gli accertamenti che saranno svolti dai pubblici ministeri Alberto Pioletti e Claudia Alberti. Delega investigativa sarà data nelle prossime ore al Nas dei carabinieri. I militari, in una prima fase, dovranno acquisire documentazione e cartelle cliniche di interesse. Secondo fonti sanitarie, riportate da Repubblica, quotidiano che ha reso nota la vicenda, sarebbero 305 le persone esposte alla paziente contagiata, tra medici, infermieri, ausiliari, pazienti e neonati venuti al mondo tra il 10 ed il 16 marzo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech