domenica 04 dicembre | 01:03
pubblicato il 01/ott/2013 13:56

Taxi fermi a Napoli contro il caro assicurazioni

Autisti in sciopero protestano anche contro abusivi

Taxi fermi a Napoli contro il caro assicurazioni

Napoli . (askanews) - Auto bianche ferme a Napoli. I taxisti partenopei hanno spento i motori e i tassametri per protestare contro il caro assicurazioni e il diffuso abusivismo che dilaga in città.Uno sciopero che è stato indetti da varie sigle sindacali di categoria per protestare contro le inaccettabili condizioni di lavoro e lo stato di crisi della categoria."Il problema più grande è il problema dell'assicurazione, noi paghiamo già il 40% in più della auto normali perchè siamo una vettura di servizio, inoltre c'è differenza rispetto al nord e al centro, noi paghiamo quasi il doppio di quanto pagano a Milano e Roma".Ma le ragioni della protesta sono anche altre. "Quante persone devono salire su un auto per recuperare tutti questi soldi, non c'è lavoro, non c'è viabilità delle strade, poi ci sono gli abusivi e gli autonoleggi che si prendono il nostro lavoro e tutto il resto". "Ora siamo proprio agli sgoccioli, secondo me è finita".Una situazione più volte denunciata, che sembra non trovare risposta dalle istituzioni, e resa ancora più pesante con l'inizio della stagione autunnale e il calo del turismo.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari