domenica 04 dicembre | 21:38
pubblicato il 30/ott/2012 17:09

Tav/ Stasera presidio a Chiomonte dopo sgombero 'La Verdi 15'

La residenza universitaria occupata di Torino

Tav/ Stasera presidio a Chiomonte dopo sgombero 'La Verdi 15'

Roma, 30 ott. (askanews) - Presidio dei No Tav stasera davanti al cantiere di Chiomonte in segno di solidarietà con gli studentei e le studentesse della residenza universitaria occupata 'Verdi 15', che è stata sgomberata stamattina dalla polizia a Torino. Si tratta di uno studentato con 200 posti letto, destinato a studenti bisognosi di borsa di studio, che l'Edisu aveva chiuso lo scorso anno a causa dei tagli all'Università, e che gli studenti, ritrovatisi senza un tetto da un giorno all'altro, avevano mantenuto aperto e autogestito fino ad oggi. "Il caso della Verdi 15 - spiegano in una nota i No Tav - è un esempio chiaro delle assurde politiche di questi governi, che sprecano milioni di euro per le grandi opere di devastazione e tolgono risorse all'istruzione e al futuro dei giovani, contro cui il movimento si batte da sempre. Ci sembra quindi naturale - concludono nella nota i No Tav - dare subito la nostra solidarietà concreta alle studentesse e agli studenti della Verdi 15, trovandoci davanti a quel cantiere che costa ogni giorno 90.000 euro sottratti ai servizi, alla sanità, alla scuola e che è sempre di più il simbolo di ciò che non va in questo paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari