mercoledì 18 gennaio | 15:22
pubblicato il 23/lug/2012 13:45

Tav/ Sequestrate molotov e armamentari da guerriglia in Valsusa

Bilancio degli scontri di sabato avrebbe potuto essere più grave

Tav/ Sequestrate molotov e armamentari da guerriglia in Valsusa

Torino, 23 lug. (askanews) - Fromboli, caschi, manette, maschere antigas, bulloni, catene, cesoie, ma anche molotov, chiodi a tre punte, catene, corde e massi. E' il materiale sequestrato alle forze dell'ordine nei pressi del cantiere per la Torino-Lione a Chiomonte (Torino), dopo i disordini di sabato scorso in Valle di Susa. Secondo gli inquirenti, nonostante il contesto sia quello dell'opposizione alla Torino-Lione, l'assalto al cantiere della notte di sabato e' stato opera di "professionisti della violenza, provenienti anche da diversi paesi europei e anche dalla Russia" hanno precisato alla Digos. Un assalto partito da un campeggio nelle vicinanze del cantiere, che viene definito "Campeggio di lotta No Tav" e sul cui futuro domani deciderà il comitato per la sicurezza che si terrà in prefettura a Torino. "In questo momento non riteniamo che il movimento No Tav,che ancora possa avere una parte sana, abbia realmente partecipato e messo il cappello su questo tipo di manifestazione" ha precisato Arturo Variale della Digos del capoluogo piemontese, che ha parlato di assalto premeditato al cantiere e all'incolumità delle forze dell'ordine a presidio di questo. A dare fondamento alla tesi della premeditazione dell'assalto, il sequestro di altro materiale da guerriglia portato a termine dai Carabinieri nei giorni precedenti il sabato di guerriglia. Il materiale e' stato rinvenuto in una baita disabitata a Mompantero (Torino). La questura ha confermato il bilancio di 11 feriti tra le forze dell'ordine, ma anche precisato che l'assalto "avrebbe potuto provocare danni ben piu' gravi, vista l'azione messa in campo". "Non dico che ci sarebbe potuto scappare il morto, non voglio essere drammatico, ma non siamo lontani da questo scenario" hanno rimarcato alla Digos. Le persone di cui e' in corso l'identificazione sono tra 50 e 70. Tra queste potrebbero esserci persone rinviate a giudizio la scorsa settimane dal Tribunale di Torino, per episodi di violenza risalenti al luglio dello scorso anno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Maltempo
Protezione civile, ancora allerta per nevicate e forti venti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa