martedì 21 febbraio | 07:07
pubblicato il 23/lug/2012 13:45

Tav/ Sequestrate molotov e armamentari da guerriglia in Valsusa

Bilancio degli scontri di sabato avrebbe potuto essere più grave

Tav/ Sequestrate molotov e armamentari da guerriglia in Valsusa

Torino, 23 lug. (askanews) - Fromboli, caschi, manette, maschere antigas, bulloni, catene, cesoie, ma anche molotov, chiodi a tre punte, catene, corde e massi. E' il materiale sequestrato alle forze dell'ordine nei pressi del cantiere per la Torino-Lione a Chiomonte (Torino), dopo i disordini di sabato scorso in Valle di Susa. Secondo gli inquirenti, nonostante il contesto sia quello dell'opposizione alla Torino-Lione, l'assalto al cantiere della notte di sabato e' stato opera di "professionisti della violenza, provenienti anche da diversi paesi europei e anche dalla Russia" hanno precisato alla Digos. Un assalto partito da un campeggio nelle vicinanze del cantiere, che viene definito "Campeggio di lotta No Tav" e sul cui futuro domani deciderà il comitato per la sicurezza che si terrà in prefettura a Torino. "In questo momento non riteniamo che il movimento No Tav,che ancora possa avere una parte sana, abbia realmente partecipato e messo il cappello su questo tipo di manifestazione" ha precisato Arturo Variale della Digos del capoluogo piemontese, che ha parlato di assalto premeditato al cantiere e all'incolumità delle forze dell'ordine a presidio di questo. A dare fondamento alla tesi della premeditazione dell'assalto, il sequestro di altro materiale da guerriglia portato a termine dai Carabinieri nei giorni precedenti il sabato di guerriglia. Il materiale e' stato rinvenuto in una baita disabitata a Mompantero (Torino). La questura ha confermato il bilancio di 11 feriti tra le forze dell'ordine, ma anche precisato che l'assalto "avrebbe potuto provocare danni ben piu' gravi, vista l'azione messa in campo". "Non dico che ci sarebbe potuto scappare il morto, non voglio essere drammatico, ma non siamo lontani da questo scenario" hanno rimarcato alla Digos. Le persone di cui e' in corso l'identificazione sono tra 50 e 70. Tra queste potrebbero esserci persone rinviate a giudizio la scorsa settimane dal Tribunale di Torino, per episodi di violenza risalenti al luglio dello scorso anno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia