mercoledì 07 dicembre | 10:11
pubblicato il 23/lug/2012 13:45

Tav/ Sequestrate molotov e armamentari da guerriglia in Valsusa

Bilancio degli scontri di sabato avrebbe potuto essere più grave

Tav/ Sequestrate molotov e armamentari da guerriglia in Valsusa

Torino, 23 lug. (askanews) - Fromboli, caschi, manette, maschere antigas, bulloni, catene, cesoie, ma anche molotov, chiodi a tre punte, catene, corde e massi. E' il materiale sequestrato alle forze dell'ordine nei pressi del cantiere per la Torino-Lione a Chiomonte (Torino), dopo i disordini di sabato scorso in Valle di Susa. Secondo gli inquirenti, nonostante il contesto sia quello dell'opposizione alla Torino-Lione, l'assalto al cantiere della notte di sabato e' stato opera di "professionisti della violenza, provenienti anche da diversi paesi europei e anche dalla Russia" hanno precisato alla Digos. Un assalto partito da un campeggio nelle vicinanze del cantiere, che viene definito "Campeggio di lotta No Tav" e sul cui futuro domani deciderà il comitato per la sicurezza che si terrà in prefettura a Torino. "In questo momento non riteniamo che il movimento No Tav,che ancora possa avere una parte sana, abbia realmente partecipato e messo il cappello su questo tipo di manifestazione" ha precisato Arturo Variale della Digos del capoluogo piemontese, che ha parlato di assalto premeditato al cantiere e all'incolumità delle forze dell'ordine a presidio di questo. A dare fondamento alla tesi della premeditazione dell'assalto, il sequestro di altro materiale da guerriglia portato a termine dai Carabinieri nei giorni precedenti il sabato di guerriglia. Il materiale e' stato rinvenuto in una baita disabitata a Mompantero (Torino). La questura ha confermato il bilancio di 11 feriti tra le forze dell'ordine, ma anche precisato che l'assalto "avrebbe potuto provocare danni ben piu' gravi, vista l'azione messa in campo". "Non dico che ci sarebbe potuto scappare il morto, non voglio essere drammatico, ma non siamo lontani da questo scenario" hanno rimarcato alla Digos. Le persone di cui e' in corso l'identificazione sono tra 50 e 70. Tra queste potrebbero esserci persone rinviate a giudizio la scorsa settimane dal Tribunale di Torino, per episodi di violenza risalenti al luglio dello scorso anno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Camorra
Controllo piazze spaccio nel Salernitano: 21 ordinanze cautelari
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni