sabato 10 dicembre | 08:20
pubblicato il 04/lug/2011 05:10

Tav/ In Valsusa proteste, scontri e feriti.L'ombra dei black bloc

Ben 188 feriti tra le forze dell'ordine. 4 arresti

Tav/ In Valsusa proteste, scontri e feriti.L'ombra dei black bloc

Chiomonte (Torino), 4 lug. (askanews) - A Chiomonte una giornata campale, una giornata di battaglia tra manifestanti e polizia a ridosso della recinzione della Maddalena, nel giorno della manifestazione nazionale contro la Tav. Netta la condanna delle violenze da parte del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano secondo il quale "quel che è accaduto in Val di Susa, per responsabilità di gruppi addestrati a pratiche di violenza eversiva, sollecita tutte le isituzioni e le componenti politiche democratiche a ribadire la più netta condanna, e le forze dello Stato a vigilare e intervenire ancora con la massima fermezza". Pesante il bilancio dei feriti tra le forze dell'ordine, ben 188: 136 poliziotti, 37 carabinieri, 15 della Guardia di Finanza. Netta la condanna delle violenze da parte del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano secondo il quale "quel che è accaduto in Val di Susa, per responsabilità di gruppi addestrati a pratiche di violenza eversiva, sollecita tutte le isituzioni e le componenti politiche democratiche a ribadire la più netta condanna, e le forze dello Stato a vigilare e intervenire ancora con la massima fermezza". Tra i 136 feriti della Polizia - secondo quanto rende noto la questura - c'e' anche il Primo Dirigente, responsabile del dispositivo di ordine pubblico presso il cantiere di Ltf, che, avvicinatosi agli antagonisti per un tentativo di mediazione, e' stato da questi volutamente colpito con una grossa pietra al ginocchio''. La Questura precisa che il bollettino dei feriti è destinato ad aumentare, tenuto conto che alcuni degli appartenenti alle Forze di Polizia che stamattina sono stati coinvolti negli scontri contro gli antagonisti in località La Maddalena, al termine del servizio si porteranno presso un nosocomio cittadino per le cure del caso. Completati gli accertamenti di rito, l'Ufficio Digos procedente ha confermato di aver tratto in arresto 4 antagonisti, per i reati di resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, i quali sono stati altersì indagati in stato di libertà per i reati di getto pericoloso di cose e possesso di materiale esplodente. Un ulteriore manifestante fermato è stato, invece, denunciato a piede libero per i medesimi reati. I disordini erano nell'aria, da quando Alberto Perino aveva promesso giorni fa a Torino, cingeremo d'assedio la Maddalena, gliela faremo trovare lunga e costosa. Eppure questa mattina ad affollare in migliaia i tornanti e i boschi della Valle di Susa erano famiglie con bambini, anziani e una popolazione variegata proveniente da Avigliana come da Bardonecchia. Alle 10,30 parte il serpentone da Chiomonte, con tanti palloncini colorati e bambini. A guidare il corteo 23 sindaci No Tav che ad ogni bivio indicavano la strada giusta ai partecipanti, invitandoli a non tagliare per i boschi, a non cercare la rissa. "Vogliamo scuole, ospedali e soldi per l'assetto idrogeologico delle valli, investimenti che servono a tutti" gridavano, capitanati da Sandro Plano, presidente della Comunita' montana Val Susa e Val Sangone. Eppure ad un certo punto c'era chi dal corteo si staccava incamminandosi lungo i sentieri attraverso i boschi in direzione Ramats, per raggiungere il cantiere Ltf sito a ridosso dell'area archeologica della Maddalena, violando l'ordinanza prefettizia che ordinava di non occupare o impegnare nessuna delle aree prative o boschive che non fanno parte del percorso autorizzato del corteo. E dall'apice della Ramats, dove si dice ci fosse la roccaforte degli anarchici, parte il fronte piu' duro. Intanto da Giaglione negli stessi momenti marciava compatto verso la Maddalena un altro serpentone, che da subito ha dato filo da torcere alle forze dell'ordine, riconquistando la baita Val Clarea, luogo simbolo dei No Tav. La gente comune applaude e grida insulti all'indirizzo delle forze dell'ordine. Cori: "Giu' le mani dalla Val di Susa", scanditi da mazzate sui guardrail. Alle 13 è arrivato Beppe Grillo, e qualcuno lo contesta, mentre i sindaci della Valle con Carla Mattioli, primo cittadino di Avigliana, in testa urlano ai megafoni: portate via i bambini. L'ala dura e più violenta dei 'No tav', secondo la Questura di Torino, ha operato con "modalità paramilitari". Tra i più aggressivi circa 300 antagonisti provenienti dall'estero, in particolare dalla Francia, Spagna, Austria e Germania. Lo riferisce l'ufficio stampa della questura di torino. Dei circa 2000 aderenti a centri sociali presenti alla Maddalena, secondo la questura piemontese, circa 800 appartengono all'antagonismo radicale e resistente, che "rappresenta l'ala più dura di questo coagulo a livello europeo di professionisti della protesta, mentre circa 300 provengono dall'estero". Guerra di cifre sui partecipanti: per la questura di torino erano 6.000 per gli organizzatori 70 mila. Entrambe le stime non sembrano credibili.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina