giovedì 08 dicembre | 19:21
pubblicato il 05/mar/2012 18:59

Tav/ Il manifestante 'pecorella': Ho sbagliato, ero esasperato

"Chiedo scusa, nostra battaglia non si vince tirando pietre"

Tav/ Il manifestante 'pecorella': Ho sbagliato, ero esasperato

Roma, 5 mar. (askanews) - "E' vero me la sono presa con lui, ma quel giorno ero molto arrabbiato, non l'ho fatto per cattiveria e né con odio, ero esasperato dalla situazione". Così Marco Bruno, il manifestante No Tav che è finito su tutti i giornali dopo che ha insultato un carabiniere dandogli della 'pecorella', oggi a 'Un Giorno da Pecora' su Radio2 ha voluto chiedere scusa all'agente con cui se l'era presa. "Sicuramente ho sbagliato ad essermela presa anche con la sua famiglia: quella frase sulla ragazza non la ripeterei, ha detto, spiegando di essere "disposto a chiedergli scusa e a fare molto di più. Sarei disposto a dargli tutto: il mio lavoro, la mia casa. A patto che lui faccia obiezione di coscienza e si spogliasse di quella divisa". Sulle violenze di alcuni esponenti del movimento No Tav, il manifestante ha spiegato: "Penso che se riusciremo a vincere questa battaglia, questo succederà mai tirando le pietre...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni