sabato 10 dicembre | 02:25
pubblicato il 04/giu/2011 15:38

Tav/ Fassino: Chi ha ordito intimidazioni non fermera' l'opera

Atto vergognoso e sciacallesco che va respinto in modo netto

Tav/ Fassino: Chi ha ordito intimidazioni non fermera' l'opera

Torino, 4 giu. (askanews) - "Un atto vergognoso e sciacallesco di intimidazione, che va respinto nel modo piu' netto da ogni coscienza democratica. Parole farneticanti che fanno tornare alla memoria tempi bui e tragici che Torino ha gia' conosciuto e sconfitto.". Cosi' il sindaco di Torino, Piero Fassino, ha definito la lettera di minaccia, contenente proiettili, indirizzata al parlamentare Pd, Stefano Esposito, in cui ci sarebbero anche dei riferimenti all'indirizzo di Giorgio Merlo. "Cosi' come va respinto nettamente qualsiasi tentativo di invocare la Resistenza e la Lotta Partigiana, che furono epopea di liberta' e non di morte" ha proseguito Fassino, che infine ha avvertito: ."Sappia, in ogni caso, chi ha ordito questa intimidazione che non riuscira' a fermare la Tav, alla cui realizzazione sono impegnati tutti coloro che credono nello sviluppo e nella crescita del Piemonte".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina