martedì 24 gennaio | 00:07
pubblicato il 17/gen/2013 15:33

Tav: 31 indagati e cantieri perquisiti. Stop alla talpa Monna Lisa

Tav: 31 indagati e cantieri perquisiti. Stop alla talpa Monna Lisa

. (ASCA) - Firenze, 17 gen - Perquisizioni in diversi cantieri in Italia nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Firenze sulla realizzazione del tunnel previsto nell'ambito dei lavori per il nodo ferroviario dell'alta velocita'. Attivi in particolare i carabinieri del Ros e il Corpo Forestale del Comando Regionale della Toscana. Sotto sequestro la 'talpa', cioe' la grande trivella (chiamata Monna Lisa) che servira' per l'escavazione del tunnel sotto il capoluogo toscano. Secondo quanto si apprende da fonti investigative sono 31 le persone indagate, tra queste, c'e' anche Maria Rita Lorenzetti, presidente dell'Italferr ed ex presidente Pd della Regione Umbria. I reati contestati, vanno dalla truffa ai danni della Pubblica Amministrazione, alla corruzione, alla gestione abusiva dei rifiuti e all'associazione a delinquere. Le perquisizioni, svolte sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Firenze, hanno interessato una ventina di siti in provincia di Firenze e Prato, nonche' in altre citta' italiane come Brescia. In particolare i Forestali hanno sequestrato fascicoli e documentazione informatica. Dall'inchiesta emergerebbe ''un consistente traffico di rifiuti speciali, smaltiti illegalmente, nonche' la truffa ai danni della Rete Ferroviaria Italiana, per cui si configura anche l'ipotesi di infiltrazioni mafiose''. Per il Corpo forestale, ''migliaia di tonnellate di rifiuti sarebbero state smaltite abusivamente. Dagli accertamenti svolti su incarico della Procura di Firenze e' emerso che l'attivita' di smaltimento veniva gestita attraverso una precisa ed organizzata regia. I vertici di una importante societa' di settore davano indicazioni e direttive puntuali ad altre ditte minori coinvolte nel traffico illecito''. Quindi la Rete Ferroviaria Italiana ''pagava gli elevati costi di smaltimento alle ditte, ma in realta' i rifiuti non seguivano la corretta procedura prevista dalla normativa vigente, creando quindi, un indebito profitto a favore delle varie ditte interessate''. Dal punto di vista ambientale, conclude la Forestale, ''la gravita' del reato'' consiste nel fatto che i materiali (soprattutto i fanghi) venivano ''scaricati direttamente nella falda acquifera posta nelle vicinanze dei lavori con il rischio di contaminazione della stessa e del suolo''. ''Esprimo pieno rispetto per l'operato della magistratura e mi auguro che sia fatta chiarezza al piu' presto''. Ha affermato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. in merito all'inchiesta sui lavori per la Tav fiorentina. ''Se ci sono responsabilita' penali e' bene che siano accertate rapidamente. Resto profondamente convinto della necessita' dell'opera e mi auguro che i lavori riprendano quanto prima''. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4