mercoledì 07 dicembre | 11:44
pubblicato il 30/ott/2014 16:32

Tar blocca provvedimento, De Magistris torna sindaco: emozionato

Accolta la richiesta del sindaco di Napoli contro il prefetto

Tar blocca provvedimento, De Magistris torna sindaco: emozionato

Napoli, 30 ott. (askanews) - Il Tar ha accolto la richiesta di sospensiva del provvedimento con cui il prefetto di Napoli aveva sospeso dalla carica di sindaco Luigi De Magistris. I l tribunale amministrativo regionale ha inviato il ricorso alla Corte Costituzionale per "manifesta non infondatezza" dei rilievi rispetto a due articoli della norma (legge Severino). Il Tar si è inoltre riservato di riunirsi nuovamente in Camera di Consiglio dopo la pronuncia della Consulta. Di fatto, a partire da oggi, Luigi de Magistris, è di nuovo sindaco di Napoli.

E il neo-reinsediato sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, si è detto "molto emozionato" per la decisione del Tar della Campania di sospendere il provvedimento del prefetto di Napoli che congelava le sue funzioni da primo cittadino in seguito alla condanna nel processo Why not. De Magistris, ha, però, annunciato che continuerà "a fare il sindaco di strada".

"Sono molto emozionato, non vedevo l'ora di riprendere le funzioni - ha detto - questa attesa aveva riempito di ansia questi giorni anche se ho mantenuto sempre la serenità perché so - ha proseguito De Magistris - che queste partite sono lunghe e complicate". "Dalle istituzioni mi viene riconosciuto un diritto costituzionale, cioè quello di poter continuare a fare il sindaco di Napoli come una fetta importante della mia città aveva deciso nel 2011 e - ha detto ancora De Magistris - mi sento ancora di più il sindaco di tutti".

"Continuerò a fare il sindaco di strada perché dalla gente ho ricevuto affetto, amore e una solidarietà insperata dopo gli attacchi durissimi di chi voleva le mie dimissioni. Da oggi l'azione politica cambia e sarà molto più orientata sulla linea con la quale maturai il consenso nel 2011".

De Magistris ha aggiunto: "Andremo lontano con passione, entusiasmo e rinnovata energia. Oggi abbiamo ancora più responsabilità e ci sentiamo rigenerati da questa vicenda così difficile". Ma il sindaco ha anche ribadito che è "necessario che si riapra il dibattito" proprio sui contenuti della legge Severino. "Sono contento che una parte della ferita sia stata sanata dalle istituzione perché questo mi dà speranza, continuo a rimanere un uomo delle istituzioni", ma - ha concluso - "questa vicenda è un fatto grave perché i cittadini, di fatto, erano stati espropriati del proprio sindaco. Questo non può accadere in una democrazia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Camorra
Controllo piazze spaccio nel Salernitano: 21 ordinanze cautelari
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni