lunedì 05 dicembre | 04:16
pubblicato il 07/ago/2014 12:00

Sulla Costa Concordia trovati altri resti di ossa umane

Nella stessa zona dove ieri erano stati trovati altri reperti

Sulla Costa Concordia trovati altri resti di ossa umane

Roma, 7 ago. (askanews) - Trovati altri resti di ossa umane sul relitto della Costa Concordia. La Capitaneria di Porto di Genova informa infatti che nella tarda mattinata di oggi, nel corso delle ricerche sul Ponte 3, le squadre impegnate nell'attività hanno ritrovato altri resti nella stessa zona del ponte dove ieri erano stati rinvenuti reperti simili. A cura dei Vigili del Fuoco e della Capitaneria di porto, del nuovo ritrovamento ne è stata data notizia, oltre che all'Autorità giudiziaria, anche alla Struttura del Commissario delegato per l'emergenza Costa Concordia che, a sua volta, ha provveduto ad informare le famiglie delle vittime alle quali gli stessi resti non si può escludere che appartengano. Ad oltre due anni e mezzo dalla tragedia solo le analisi antropologiche e del Dna permetteranno di dare un nome ai resti ritrovati. Conclusa l'attività di repertazione, le ricerche sono riprese e proseguiranno fino alle ore 17 di oggi, concentrandosi sempre sui ponti 3 e 4, a cura di team interforze dei Vigili del fuoco, Guardia Costiera e Guardia di Finanza, e sui ponti 2 e 1 a cura dei Nuclei sommozzatori dei Vigili del Fuoco e della Marina Militare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari