martedì 24 gennaio | 02:38
pubblicato il 28/feb/2011 07:19

Stupro Roma/ Oggi Comune parla al Governo per accoglienza somali

Trovate "strutture temporanee" per sgomberati da ex ambasciata

Stupro Roma/ Oggi Comune parla al Governo per accoglienza somali

Roma, 28 feb. (askanews) - Il sindaco di Roma Gianni Alemanno oggi "sensibilizzerà il Governo sul problema dei rifugiati politici perché i sindaci non possono essere lasciati da soli" ha dichiarato il delegato alla sicurezza del sindaco, Giorgio Ciardi. Il Comune di Roma ha annunciato di aver trovato delle strutture "temporanee" per accogliere i somali sgomberati dalla sede dell'ex ambasciata somala a via dei Villini dove sarebbe stato commesso uno stupro venerdì notte. "L'Amministrazione comunale, considerando l'emergenza, ha individuando alcune strutture temporanee dove far dormire provvisoriamente i circa 70 somali già da stasera. Abbiamo ricevuto quella parte della comunità somala che rispetta le leggi e che vuole realmente integrarsi, chi delinque deve essere espulso" ha detto Ciardi. Per lo stupro due persone sono state fermate, due somali peraltro identificati da un connazionale, e un'altra è stata fermata e rilasciata. L'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) ieri aveva manifestato preoccupazione per la sorte di tutti i somali che avevano trovato rifugio nell'ex sede dell'ambasciata somala a Roma. "Chiudere l'ex ambasciata somala è un provvedimento necessario" aveva detto Laura Boldrini, portavoce dell'Unhcr in Italia, "ma è altrettanto necessario trovare una sistemazione dignitosa per i circa cento somali completamente estranei allo stupro avvenuto in quel luogo". "E' importante - aveva detto Boldrini - far chiarezza sull'avvenuto e perseguire gli individui che hanno commesso questo reato ai danni della ragazza, ma al tempo stesso non si può stigmatizzare un intero gruppo. I somali che si erano riparati nei locali della ex ambasciata, tutti con regolare permesso di soggiorno perché muniti di protezione internazionale, erano in quel luogo - peraltro privo di acqua, luce e servizi igienici - per disperazione, non avendo ottenuto nessuna altra forma di accoglienza. La scorsa notte infatti dopo la chiusura dell'ex ambasciata, si sono dovuti sistemare nelle scale di una stazione della metropolitana".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4