domenica 11 dicembre | 09:13
pubblicato il 11/ott/2013 17:01

Studenti italiani in piazza per difendere la scuola pubblica

Tensione a Milano. Da Napoli: più fondi subito non c'è più tempo

Studenti italiani in piazza per difendere la scuola pubblica

Napoli (askanews) - Giornata di mobilitazione generale degli studenti medi che in 70 città italiane (qui siamo a Napoli) sono scesi in piazza al grido di "Si scrive Scuola, si legge Futuro", per chiedere a governo e istituzioni più fondi e maggiori attenzioni per la scuola pubblica, l'università e la ricerca.Gli studenti protestano soprattutto contro il Decreto legge sull'Istruzione, in discussione alla Camera dei Deputati, ritenuto insufficiente ad assicurare le giuste risorse a un comparto sempre più sofferente e non più in grado, stando ai recenti dati dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, di garantire agli studenti italiani livelli d'istruzione paragonabili a quelli di altri Paesi europei.A Milano ci sono stati anche momenti di tensione tra Polizia e manifestanti quando alcuni studenti hanno tentato di deviare dal percorso autorizzato per raggiungere la sede della Provincia.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina