venerdì 02 dicembre | 21:32
pubblicato il 29/set/2011 10:56

Studenti all'estero: in aumento dal Nord, stop dal Sud

Mancano fondi e strumenti per i progetti

Studenti all'estero: in aumento dal Nord, stop dal Sud

L'estero attrae gli studenti italiani, ma incertezze, burocrazia e mancanza di fondi frenano i progetti in stati stranieri, soprattutto al Sud. La situazione è fotografata dal rapporto dell'Osservatorio nazionale della mobilità studentesca e dell'internazionalizzazione delle scuole a cura di Ipsos: durante lo scorso anno il 50% degli istituti italiani ha partecipato ad un progetto all'estero, con un incremento del 34% rispetto a due anni fa. Se si guardano i dati locali, però,salta agli occhi il divario sempre più ampio fra Nord e Sud: se nel nord ovest c'è stato un aumento degli studi all'estero del 3%, nel nord est del 6, il Sud e le isole arretrano pesantemente rispetto al 2009, con un -10%. I presidi lamentano mancanza di fondi e supporto e gli studenti fanno presente che spesso le competenze acquisite all'estero non vengono premiate una volta tornati sui banchi di scuola italiani.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari