martedì 28 febbraio | 05:00
pubblicato il 29/set/2011 10:56

Studenti all'estero: in aumento dal Nord, stop dal Sud

Mancano fondi e strumenti per i progetti

Studenti all'estero: in aumento dal Nord, stop dal Sud

L'estero attrae gli studenti italiani, ma incertezze, burocrazia e mancanza di fondi frenano i progetti in stati stranieri, soprattutto al Sud. La situazione è fotografata dal rapporto dell'Osservatorio nazionale della mobilità studentesca e dell'internazionalizzazione delle scuole a cura di Ipsos: durante lo scorso anno il 50% degli istituti italiani ha partecipato ad un progetto all'estero, con un incremento del 34% rispetto a due anni fa. Se si guardano i dati locali, però,salta agli occhi il divario sempre più ampio fra Nord e Sud: se nel nord ovest c'è stato un aumento degli studi all'estero del 3%, nel nord est del 6, il Sud e le isole arretrano pesantemente rispetto al 2009, con un -10%. I presidi lamentano mancanza di fondi e supporto e gli studenti fanno presente che spesso le competenze acquisite all'estero non vengono premiate una volta tornati sui banchi di scuola italiani.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech