lunedì 20 febbraio | 19:21
pubblicato il 24/mag/2011 10:02

Strage Viareggio/ Unità: presunti mancati controlli Trenitalia

Quotidiano:Asse carrello arrugginito e revisioni Gatx forse false

Strage Viareggio/ Unità: presunti mancati controlli Trenitalia

Roma, 24 mag. (askanews) - Controlli ai carrelli del treno non effettuati e revisioni forse falsificate. Con un'inchiesta con foto inedite di componenti arrugginite del carrello sviato a Viareggio, l'Unità torna sul disastro ferroviario del 29 giugno 2009, nel quale morirono 32 persone a causa del deragliamento in stazione di un treno merci che trasportava un carico di Gpl. Secondo il quotidiano - che cita anche documenti sui quali la Procura di Lucca sta svolgendo gli incidenti probatori - "se si fossero rispettate le regole" sui controlli al convoglio e su manutenzione e revisione la strage poteva essere evitata. Il carro cisterna sviato a Viareggio, ricostruisce l'Unità, doveva essere controllato e sottoposto alla 'procedura di cabotaggio', cioè a un controllo particolare riservato al materiale rotabile prodotto all'estero che viaggia in Italia. Secondo l'Unità il compito di richiedere questo controllo era di Trenitalia Divisione Cargo e quello di effettuarlo era del 'Ce.s.i.fer', una struttura deputata alla sicurezza allora dipendente da Rete ferroviaria italiana. Secondo il quotidiano qualche mese prima dell'incidente (febbraio 2009), Trenitalia presentò la richiesta di ispezione, ma solo per la cisterna e non per tutto il carro. Il controllo fu così eseguito dal Ce.s.i.fer. solo sulla cisterna, escludendo i carrelli, la struttura, i freni e gli organi di aggancio, ispezione che invece secondo la 'procedura di cabotaggio' si sarebbe dovuta eseguire. Se fosse stata fatta, continua l'Unità, i tecnici si sarebbero accorti che nelle componenti del vagone qualcosa non andava e che, ad esempio, non era stata fatta la revisione dell'asse. Revisione che "forse" nel novembre 2008 è stata addirittura falsificata dalla ditta americana Gatx Rail Europe, proprietaria dei carri. Subito dopo l'incidente di Viareggio, infatti, i magistrati scoprirono che l'asse collassato aveva una vistosa coltre di ruggine e pochissima vernice. Secondo l'ufficiale giudiziario Angelo Laurino, il componente presentava "della ruggine diffusa, sintomo di ossidazione pregressa e non di danneggiamento causato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia