domenica 11 dicembre | 12:01
pubblicato il 22/giu/2011 10:13

Strage di Butera, la città di Licata è sotto shock

Indagini concentrate su un vicino della famiglia sterminata

Strage di Butera, la città di Licata è sotto shock

Abitava in questa palazzina di tre piani nel centro di Licata la famiglia Militano: Filippo, 48 anni, agricoltore, Giuseppina, casalinga 45enne e il figlio 13enne Salvatore, sterminata il 21 giugno nelle campagne di Butera, in provincia di Caltanissetta, forse per un banale litigio dovuto a vecchi dissapori con un vicino. Il villino di Butera era per loro uno svago, ci si erano trasferiti da poco per trascorrere il periodo estivo mentre Filippo, incensurato e considerato da tutti una brava persona e un gran lavoratore, si dedicava a curare i possedimenti. A Licata si preferisce non commentare la vicenda, si tengono le bocche cucite in attesa che si faccia chiarezza su questo triplice omicidio. Intanto le indagini dei carabinieri si concentrano su un vicino, una persona sui quarant'anni, che nelle scorse settimane avrebbe avuto delle accese discussioni con la famiglia Militano, per motivi di vicinato.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina