martedì 17 gennaio | 16:57
pubblicato il 05/dic/2013 17:13

Strage Dacca: coinvolte ditte italiane? Guariniello, ci stiamo lavorando

(ASCA) - Torino, 5 dic - La procura della Repubblica di Torino starebbe esaminando l'eventuale coinvolgimento delle ditte italiane di abbigliamento nella tragedia sul lavoro avvenuta in Bangladesh nell'aprile scorso e che provoco', a causa del crollo di un palazzo, 1127 morti e 2500 feriti.

''Ci stiamo lavorando'', si limita a dire all'Asca il sostituto procuratore Raffaele Guariniello a margine di un convegno sulla sicurezza, promosso a Torino, alla vigilia delle cerimonia per il sesto anniversario dell'incendio alla Thyssenkrupp, costato la vita a sette operai. In questi mesi sono stati indicati i nomi di Piazza Italia e di Benetton, accanto ai piu' importanti marchi internazionali dell'abbigliamento informale. Nel corso del convegno il pm torinese ha ricordato che il 24 aprile del 2013 a pochi chilometri da Dacca, la capitale del paese asiatico sul confine est dell'India, crollo' un palazzo, adibito ufficialmente ad abitazioni, ma nel quale si erano insediate cinque ditte di abbigliamento, con macchinari pesantissimi, che probabilmente hanno contribuito al crollo.

''Si tratta di cinque delle cinquemila aziende del genere in Bangladesh - ha aggiunto Guariniello - che complessivamente occupano 3,5 milioni di persone e che lavorano con un salario medio di 38 dollari al mese''. ''Ho voluto approfondire il punto - ha detto Guariniello - e ci sono anche aziende italiane famosissime che fanno fare in queste fabbriche i loro capi di abbigliamento, dove si lavora in queste condizioni. Io mi chiedo - ha aggiunto Guariniello - quali azioni stia svolgendo l'autorita' italiana per far si' che queste aziende si preoccupino non solo di farsi mandare gli abiti, non solo di farseli fare secondo i criteri di qualita' che loro richiedono, ma di assicurarsi che i lavoratori operino in condizioni adeguate di sicurezza''. ''Nessuno fa nulla'', ha sottolineato. Guariniello ha spiegato che questo tema e' anche attinente alla lealta' commerciale in quanto ''e' interesse di tutti che si lavori rispettando le stesse condizioni di sicurezza''.

eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, aziende: con piano Space Economy Italia giusta direzione
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa