domenica 26 febbraio | 23:00
pubblicato il 23/dic/2013 11:33

Storia del 2013, le elezioni, il nuovo Papa e il Datagate

Nei primi 6 mesi la strage di Boston e le proteste in Turchia

Storia del 2013, le elezioni, il nuovo Papa e il Datagate

Milano, (askanews) - Il 2013 inizia con il botto dal punto di vista politico. Il 24 e 25 febbraio ci sono le elezioni: dalle urne esce un Paese diviso. Il Pd ottiene più voti ma non ha i numeri per governare, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo entra in massa in Parlamento, Silvio Berlusconi, dato per spacciato, si rivela decisivo. Pierluigi Bersani prova a formare un governo, ma si scontra con il no alle alleanze dei 5 Stelle e deve gettare la spugna. Si esce dallo stallo solo ad aprile, per l'intervento di Giorgio Napolitano, riconfermato Presidente della Repubblica: il 28 Enrico Letta assume l'incarico di presidente del Consiglio.I primi mesi del 2013 segnano anche una svolta per la Chiesa. L'11 febbraio Papa Benedetto XVI annuncia a sorpresa le dimissioni: si ritirerà a una vita di studio. Il 28 febbraio ha inizio la sede apostolica vacante, il 12 marzo inizia il Conclave. Il nuovo Papa, eletto il giorno dopo, è il cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires: prende il nome di Francesco.Il 15 aprile la maratona di Boston si tinge di sangue: due bombe piazzate vicino al traguardo esplodono durante la corsa, provocando tre morti e circa 170 feriti. I responsabili secondo l'Fbi sono i fratelli Tsarnaev, di origine cecena.Il 7 maggio il porto di Genova è teatro di una tragedia: durante la notte la nave portacointainer Jolly Nero si schianta contro la torre dei piloti e la fa crollare, provocando 9 morti.Alla fine del mese scoppia la protesta in Turchia: centinaia di migliaia di persone scendono in piazza dopo la decisione del governo di costruire un centro commerciale a Gezi Park, cuore verde di Istanbul. Le manifestazioni di piazza Taksim diventano una richiesta di maggiore libertà di espressione al premier Erdogan, che le reprime con violenza. Il bilancio finale è di diversi morti e migliaia di arresti.A giugno esplode lo scandalo Datagate, caso internazionale che per mesi occupa le prime pagine dei giornali: Edward Snowden, ex tecnico della National Security Agency, è la talpa della più grande fuga di notizie sull'intelligence degli Stati Uniti. Al Guardian racconta i dettagli del programma di sorveglianza: centinaia di milioni di cittadini risultano spiati. Partono le accuse reciproche, è scontro tra Stati Uniti e Francia e con la Germania: Berlino accusa Washington di aver sorvegliato anche il cellulare della cancelliera Angela Merkel.(immagini Afp)

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech