lunedì 27 febbraio | 07:38
pubblicato il 13/mar/2013 21:35

Staminali: Assobiotec, si' ma solo nel rispetto protocolli ricerca

Staminali: Assobiotec, si' ma solo nel rispetto protocolli ricerca

(ASCA) - Roma, 13 mar - ''Siamo contrari alla sperimentazione di cellule eseguita in laboratori non autorizzati'' cosi' Alessandro Sidoli, presidente di Assobiotec, a proposito del dibattito in corso in questi giorni sulle terapie cellulari somministrate senza adeguata e certificata sperimentazione clinica.

''Un farmaco, qualunque sia, non puo' essere utilizzato sull'uomo se non ha dato garanzia di sicurezza dopo una lunga sperimentazione autorizzata dagli organi competenti. Nel caso delle espansioni di cellule per le terapie cellulari e geniche, queste devono essere somministrate all'interno di protocolli approvati da AIFA e ISS e portate avanti da strutture approvate a lavorare in GMP-Good Manufacturing Practice'' aggiunge il Presidente di Assobiotec.

''Ecco perche' suggeriamo una grande prudenza in un dibattito che rischia di sfuggire di mano, a tutto danno dei pazienti, vittime inconsapevoli degli interessi economici di chi vuole vendere false speranze''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech