martedì 17 gennaio | 20:41
pubblicato il 24/gen/2015 17:07

Stamina, procura chiede a Vannoni stop attività anche all'estero

Condizione per patteggiare. Il legale "Non è formalizzabile"

Stamina, procura chiede a Vannoni stop attività anche all'estero

Torino, 24 gen. (askanews) - La procura di Torino avrebbe posto come condizione per il patteggiamento della condanna al fondatore di Stamina Davide Vannoni non solo lo stop alle sue attività in Italia, ma anche all'estero, in quanto il reato resta perseguibile secondo il codice penale (come prevede l'articolo 9 comma 1 sui reati commessi dai cittadini italiani all'estero). E' quanto si apprende da fonti vicine a palazzo di giustizia.

La richiesta che appare inevitabile e per certi versi scontata, astenersi comunque dal commettere lo stesso reato in futuro, tuttavia rischia di essere un freno alla conclusione dell'accordo. Già nell'inchiesta condotta dal Pm Raffaele Guariniello si evidenziava l'intenzione del patron di Stamina di espandere la sua attività all'estero. E lo stesso Vannoni in un'intervista a Repubblica aveva in passato esplicitato questa possibilità nel caso non avesse potuto proseguire le infusioni di cellule staminali in Italia. Ma in questo caso Vannoni rischierebbe l'arresto.

"Temo che sia una proposta difficilmente formalizzabile - ha replicato il legale di Vannoni, Liborio Cataliotti, che comunque esclude che il suo assistito pensi ancora di esportare il metodo stamina - non so come si possa ipotecare il futuro del mio cliente. La garanzia è nella norma ed è una norma che conosciamo bene perchè fa parte di uno dei capi di imputazione". La proposta di accordo secondo quanto si è potuto sapere in questi giorni, prevede una pena di un anno e dieci mesi, abbondantemente nei limiti della sospensione condizionale, e molto al di sotto della pena edittale, superiore ai sei anni per i reati vari di cui è accusato Vannoni tra cui l'associazione a delinquere finalizzata alla truffa. I legali di Vannoni, Liborio Cataliotti e Pasquale Scrivo avrebbero garantito lo stop alle attività italiane oltre ad aver già rinunciato alla prosecuzione del processo davanti al Tar del Lazio contro il ministero della salute.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa