martedì 06 dicembre | 07:33
pubblicato il 16/nov/2011 07:38

Spazio/ Navetta Soyuz arrivata alla Stazione internazionale

A bordo due cosmonauti russi e un astronauta americano

Spazio/ Navetta Soyuz arrivata alla Stazione internazionale

Mosca, 16 nov. (askanews) - Una navetta Soyuz con due cosmonauti russi e un astronauta americano a bord è arrivata oggi senza problemi alla Stazione spaziale internazionale (Iss). Lo ha annunciato l'Agenzia spaziale russa (Roskomos). "La navetta TMA-22 è arrivata alla Iss in regime automatico alle 9.24 ora di Mosca (le 6.24 italiane)", con dieci minuti in anticipo sull'orario previsto, secondo quanto ha precisato all'Afp un portavoce di Roskomos. "Tutto si è svolto senza intoppi", ha aggiunto. La navetta, che trasporta i russi Anton Chklaperov e Anatoli Ivanichine, insieme all'americano Dan Burbank, era decollata l'altro ieri dal cosmodromo russo di Baikonur, in Kazakistan, segnando la ripresa dei voli verso l'Iss, sospesi in agosto dopo l'incidente a una navetta di rifornimento schiantatasi in Siberia dopo il decollo. (fonte Afp)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari