domenica 11 dicembre | 15:31
pubblicato il 15/gen/2014 11:30

Spazio: Esa, il 20 gennaio il 'risveglio' della sonda Rosetta per raggiungere la cometa

Spazio: Esa, il 20 gennaio il 'risveglio' della sonda Rosetta per raggiungere la cometa

(ASCA) - Roma, 15 gen 2014 - Dopo 957 giorni di ibernazione nello spazio profondo il 20 gennaio Rosetta, la sonda dell'Agenzia spaziale europea, verra' risvegliata per arrivare alla sua destinazione finale, la cometa 67P/ Churyumov-Gerasimenko. Per l'occasione l'Esa ha organizzato una giornata-evento per la stampa presso il Centro Europeo Operazioni Spaziali (ESOC - European Space Operations Centre) a Darmstadt, Germania, a partire dalle 10, un'ora prima dell'ora stabilita per il risveglio (le 11 ora italiana), in attesa dei primi segnali dalla navicella attesi intorno alle 18.30. All'evento parteciperanno tra gli altri Jean-Jacques Dordain, direttore generale dell'Esa e Paolo Ferri, Capo operazioni missioni dell'Agenzia europea. Dal suo lancio, avvenuto il 2 marzo 2004 dallo spazio porto europeo di Kourou, Rosetta - realizzata con un contributo rilevante dell'Agenzia spaziale italiana - ha viaggiato ad una distanza di quasi 800 milioni di km dal Sole e vicino all'orbita di Giove, passando tre volte vicino alla Terra ed un volta vicino a Marte, e volando vicino a due asteroidi. A luglio 2011 e' stata messa a riposo mentre si muoveva verso l'orbita di Giove, dopo aver completato l'allineamento con la cometa. Rosetta e' composta da un orbiter, dove sono situati i sensori per gli esperimenti di remote sensing, e da un lander, chiamato Philae, che verra' rilasciato sulla superficie della cometa per effettuare una serie di misure delle caratteristiche fisiche della superficie e per studiare la struttura interna del nucleo. Il principale obiettivo scientifico della missione e' la comprensione dell'origine delle comete e delle relazioni tra la loro composizione e la materia interstellare, per potere risalire alle origini del Sistema solare. Nella prima fase del risveglio che riguarda la 'sonda madre' e dovrebbe avvenire automaticamente - spiega l'Asi - la sonda compira' una rotazione per poter dirigere la sua antenna verso la Terra in modo da comunicare con il centro di controllo di Darmstadt. A quel punto dovrebbe cominciare a mandare informazioni a Terra sullo stato dei suoi sistemi principali e, via via, dei suoi strumenti. Dopo il risveglio, la sonda dovra' percorrere ancora 9 milioni di chilometri per raggiungere il suo obbiettivo e solo ai primi di maggio si trovera' a circa 2 milioni di chilometri di distanza. Successivamente cominceranno le manovre per l'allineamento all'orbita della cometa e si preparera' alla sua mappatura. Il rendez-vous avverra' ad agosto. Una volta incontrata la cometa, i ricercatori a terra riceveranno migliaia di immagini, che permetteranno di aggiustare la traiettoria per il lancio del lander. L'atterraggio di questo, previsto per novembre, costituira' un evento di importanza fondamentale poiche' per la prima volta alcuni strumenti costruiti dall'uomo atterreranno su una cometa. Philae si ancorera' alla superficie grazie a due arpioni che ne impediranno il rimbalzo in orbita. Da quel momento in poi cominceranno i veri e propri esperimenti: una trivella scavera' fino a 20 centimetri dalla superficie per raccogliere una serie di campioni che verranno poi analizzati a bordo. La fine della missione, e' prevista per l'ultima parte del 2015. red-lcp/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina