venerdì 09 dicembre | 07:27
pubblicato il 08/mag/2013 11:54

Spazio: al via 17ma conferenza. Nel cosmo il futuro dell'uomo

(ASCA) - Roma, 8 mag - Il futuro dell'uomo e' nello spazio.

Mezzo secolo dopo il lancio del primo astronauta della storia, Yuri Gagarin, l'umanita' e' sempre piu' proiettata oltre l'atmosfera terrestre, per studiare il cosmo, lavorare in orbita, ma anche per semplice turismo. Ne sono convinti gli esperti che si riuniranno venerdi' 10 maggio presso il Grand Hotel Parco dei Principi a Roma per una tavola rotonda sul tema ''Oltre i confini della Terra. Vivere e viaggiare nel Sistema Solare''. Questo incontro, rivolto soprattutto a giovani ed appassionati e a ingresso libero, si svolgera' a conclusione della 17th International Space Conference, che fino a dopodomani riunira' nella capitale circa 300 esperti spaziali provenienti da 21 Paesi di tutto il mondo, tra cui anche Russia, Cina, Giappone, India e Arabia Saudita.

Il programma della tavola rotonda prevede tre interventi: ''Condizioni meteo spaziali: Sole, asteroidi e detriti spaziali'', di Mauro Messerotti, dell'INAF-Osservatorio Astronomico di Trieste; ''Il fascino delle stelle, dalla carta stampata al web'', di Enrica Battifoglia, giornalista, responsabile del canale Scienza & Tecnica dell'agenzia Ansa; e ''Il futuro dell'uomo nello spazio'', di Simonetta Di Pippo, responsabile dell'Osservatorio per la Politica Spaziale Europea presso l'Agenzia Spaziale Italiana (ASI). I lavori saranno aperti da Benito Pagnanelli, presidente dell'International Space Conference, e moderati dal giornalista Luciano Castro. Si e' aperta oggi, intanto, la 17th International Space Conference, organizzata da Pagnanelli Risk Solutions Ltd. Al centro di questo incontro, i vari pericoli provenienti dallo spazio, di origine naturale o umana: gli effetti delle tempeste spaziali di origine solare, l'impatto con la Terra di meteoriti e asteroidi, l'aumento di detriti spaziali in orbita terrestre e anche le aggressioni del cyber-terrorismo.

Vi partecipano esperti delle maggiori Agenzie e Organizzazioni spaziali internazionali (tra cui Nasa, Esa, Inmarsat, Arianespace, la francese Cnes, la tedesca Dlr, la britannica Uk Space Agency e la norvegese Nsc), oltre a rappresentanti del Parlamento e della Commissione Europea.

Nutrita anche la partecipazione da parte dell'Italia: Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Dipartimento della Protezione Civile, Aeronautica Militare, Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e industrie specializzate come Thales Alenia Space e Telespazio.

red/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni