sabato 10 dicembre | 21:34
pubblicato il 04/gen/2014 17:30

Spari contro negozi di Forcella a Capodanno: torna incubo racket

Nel popolare rione di Napoli i segni dei proiettili sulle vetrine

Spari contro negozi di Forcella a Capodanno: torna incubo racket

Napoli, (askanews) - I segni dei proiettili sono ancora evidenti, le vetrine sono crepate e ci sono ancora dei vetri a terra. A Napoli ritorna l'incubo del racket. Nella notte di capodanno, un gruppo di uomini, approfittando del frastuono dei festeggiamenti, ha esploso numerosi colpi di arma da fuoco contro le saracinesche e le vetrine di alcuni negozi di Forcella, in via Pietro Coletta.Secondo una prima riscostruzione degli inquirenti, i malviventi non hanno sparato a caso, nel loro mirino c'erano la farmacia Stabile, il negozio di specchi d'angelo e il ristorante Maccarò, che ha scelto di assumere, mogli di ex-carcerati per offrire loro una nuova possibilità. Un raid che farebbe pensare ad una sorta di avvertimento contro gli esercenti che si rifiutano di pagare il pizzo.I commercianti, nonostante la rabbia e la preoccupazione, preferiscono non esprimersi. Qualcuno lontanto dalle telecamere minimizza parlando un una bravata, tenendo poi a precisare che a Forcella nessuna paga il pizzo. Le indagini proseguono.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina