domenica 26 febbraio | 17:51
pubblicato il 14/dic/2013 12:05

Sparatoria e panico in strada a Napoli: un morto a Forcella

Ucciso un 43enne, guerra per nuovi equilibri criminali

Sparatoria e panico in strada a Napoli: un morto a Forcella

Napoli (askanews) - Ancora sangue a Napoli. Un uomo di 43 anni, Massimo Castellano, è stato ucciso nel quartiere centrale di Forcella, con una vera e propria esecuzione andata in scena tra la folla. Panico e urla in strada, quando i killer hanno avvicinato l'uomo, poco distante dalla sua abitazione, e l'hanno freddato con tre colpi alla testa. Le indagini puntano decisamente sulla criminalità organizzata, anche perché il quartiere di Forcella si trova al centro di una sorta di "cambio generazionale" tra le famiglie camorristiche, dopo che la giustizia ha inferto pene molto dure ai clan che erano egemoni nel quartiere, lasciando spazio a nuove formazioni criminali che tentando di controllare il territorio. Anche l'omicidio di Castellano, che sarebbe legato ai clan ex egemoni, sarebbe inquadrabile nel contesto di questa nuova guerra di camorra.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech