martedì 28 febbraio | 09:03
pubblicato il 11/ott/2011 15:42

Sit-in dei giornalisti a Palermo: "No alla legge bavaglio"

Presidente Odg Sicilia: "Norma più pesante dai tempi fascismo"

Sit-in dei giornalisti a Palermo: "No alla legge bavaglio"

Giornalisti contro la legge bavaglio. Sit-in di protestadi fronte ai cancelli della Prefettura di Palermo promosso dall'Ordine dei giornalisti di Sicilia, dall'Assostampa e dall'Unione cronisti, in difesa della libertà di stampa e del diritto di tutti a essere informati. Il presidente dell'Ordine dei Giornalisti Vittorio Corradino spiga perchè è contrario alla ddl intercettazioni.Consegnata al prefetto Umberto Postiglione, una lettera indirizzata al Presidente della Repubblica, con cui i cronisti chiedono di rivedere alcune norme del ddl sulle intercettazioni e di cancellare la norma che prevede il carcere per i giornalisti come spiega il presidente del Gruppo siciliano dell'Unione cronisti Leone Zingales.In tutta Italia si moltiplicano le iniziative per fermare il DDl intercettazioni che mercoledì 12 ottobre dovrebbe arrivare all'esame dell'aula della Camera.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech