venerdì 20 gennaio | 17:20
pubblicato il 30/mag/2012 14:22

Sisma Emilia, Squinzi: non c'è stata malafede degli imprenditori

La polemica è artificiosa, è stata una tragica fatalità

Sisma Emilia, Squinzi: non c'è stata malafede degli imprenditori

Catania, (askanews) - "Io personalmente sono incline, naturalmente col dispiacere per le vittime, a escludere la malafede da parte degli imprenditori". Il terremoto che per due volte a distanza di dieci giorni ha violentato l'Emilia si è rivelato una strage di operai, sorpresi dai crolli mentre erano al lavoro nei capannoni. Se per le morti del 20 maggio si accettava di parlare di fatalità, con le vittime provocate dalle scosse del 29 l'appendice polemica sulla sicurezza di quei capannoni è stata immediata. Ma il leader degli industriali, Giorgio Squinzi, non ci sta a scaricare le colpe su quegli imprenditori."Questa polemica si sta rivelando artificiosa, i capannoni erano in assoluta normalità la zona non era classificata come sismica. E' dal 1570 che non c'erano più eventi sismici. Io sarei portato a definirlo una tragica fatalità".

Gli articoli più letti
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: morti accertati sono solo 2
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire