domenica 26 febbraio | 21:16
pubblicato il 07/ago/2012 13:31

Sisma Emilia, Duomo Modena riapre 1 settembre: 200mila euro danni

Vescovo Lanfranchi: Costretti a modificare la pastorale

Sisma Emilia, Duomo Modena riapre 1 settembre: 200mila euro danni

Modena, (askanews) - L'Emilia rialza la testa dopo il terremoto nonostante le mille difficoltà. Il Duomo di Modena, riconosciuto patrimonio mondiale dell'umanità dall'Unesco, sarà riaperto l'1 settembre, al termine dei lavori di ristrutturazione costati circa 200mila euro. L'arcidiocesi di Modena-Nonantola ha contato i danni causati dal terremoto del 20 e 29 maggio agli immobili di 54 parrocchie della diocesi: oltre 100 edifici, 59 chiese e 33 campanili lesionati gravemente per un totale di 300 milioni di euro. Il vescovo Antonio Lanfranchi spiega come il sisma abbia cambiato la vita della gente."Ho notato anche l'emergere di un bisogno di comunità"."Non c'è bisogno solo di ricostruire le strutture, ma indubbiamente il terremoto costringe anche a modificare la pastorale ordinaria."Come comunità cristiana, dobbiamo preoccuparci seriamente della ripresa" anche economica "del nostro territorio. Se non c'è lavoro crolla tutto" ha concluso il Vescovo.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech