domenica 04 dicembre | 07:20
pubblicato il 18/gen/2015 14:46

Siria, Vanessa: non siamo responsabili del nostro rapimento

"E' difficile stare lontana da Greta, temevamo di non farcela"

Siria, Vanessa: non siamo responsabili del nostro rapimento

Roma, 18 gen. (askanews) - "Greta ha usato le parole perfette: ci dispiace per il dolore causato, ma non siamo responsabili del nostro rapimento. Siamo state cinque mesi e mezzo chiuse dentro". Sono le parole di Vanessa Marzullo, una delle due cooperanti italiane rapite in Siria e liberate nei giorni scorsi, parlando ai microfoni di Sky Tg24 davanti alla sua casa a Verdello, nel bergamasco.

"Adesso stiamo bene - ha continuato - è bellissimo stare con le nostre famiglie. È un po' difficile stare lontana da Greta, ma c'è la nostra famiglia e stiamo bene". Durante la prigionia, ha raccontato Vanessa, "dormivamo su dei materassi, non in un letto vero. Stiamo state trattate bene in quel contesto, non abbiamo subito violenze. Adesso sicuramente non torneremo in Siria, ma continueremo ad aiutare da qua. Non dimentichiamo che c'è un massacro in corso".

"Ringrazio tutti quelli che hanno lavorato per la nostra libertà, lo Stato l'unità di crisi, tutte le persone che hanno sempre sperato, pregato e pensato a noi". Un giornalista le domanda se abbia avuto paura di non farcela e di non riuscire a tornare: "Certo che sì", ha concluso la ragazza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari