martedì 28 febbraio | 00:41
pubblicato il 03/set/2013 18:18

Siria: Unicef, emergenza scuola, 1,9 mln bambini hanno lasciato aule

Siria: Unicef, emergenza scuola, 1,9 mln bambini hanno lasciato aule

(ASCA) - Roma, 3 set - Circa 1,9 milioni di studenti siriani della scuola dell'obbligo (tra il 1* e il 9* anno) hanno lasciato la scuola nell'ultimo anno scolastico: il 39% dei 4.860.000 studenti registrati, secondo gli ultimi dati del ministero dell'Istruzione.

Lo denuncia l'Unicef in una nota precisando che oltre 3.000 scuole nel paese sono state danneggiate o distrutte e oltre 930 sono utilizzate come rifugi per sfollati. Le province di Idlib e di Aleppo sono le piu' colpite dalla crisi, con oltre 1.200 scuole danneggiate o distrutte; la frequenza scolastica e' scesa fino al 23% ad Aleppo e al 30% ad Idlib. Laddove le scuole sono ancora in funzione, l'afflusso di bambini sfollati implica che non ci sono abbastanza classi, arredi, materiali scolastici e per l'insegnamento.

In tale quadro di piena emergenza l'Unicef, con il ministero dell'Istruzione e Unrwa, lancera' questo mese un programma per l'apprendimento a domicilio che permettera' ad oltre 400.000 bambini coinvolti nelle zone piu' calde del conflitto di continuare a seguire il programma di studi nazionale.

L'istruzione - sottolinea l'agenzia Onu per l'Infanzia - e' estremamente importante: questo settore ha subito molti colpi a cominciare dallo scoppio del conflitto due anni e mezzo fa e molti bambini stanno subendo pressioni e assumendo responsabilita' che nessun bambino dovrebbe sopportare. Fare in modo che i bambini abbiano la possibilita' di imparare, anche se solo per poche ore al giorno, li protegge e consente loro di rimanere in un percorso di vita quanto piu' normale possibile.

Nel complesso l'Unicef sta lavorando per assistere centinaia di migliaia di bambini perche' continuino a studiare: 70 classi prefabbricate, su un totale di 300, sono gia' nei governatorati in cui le infrastrutture scolastiche sono state maggiormente danneggiate. L'Unicef ha fornito cartelle (con all'interno materiali di cancelleria) per oltre un milione di bambini in tutti e 14 i governatorati. Migliaia di kit per l'apprendimento e l'insegnamento, forniture ricreative e materiali per l'istruzione per la prima infanzia stanno per essere consegnati.

Sono necessari 20milioni di dollari aggiuntivi per stampare e distribuire 8 milioni di libri di testo e per riabilitare le infrastrutture scolastiche.

Da qui l'invito a donare un contributo per l'emergenza Siria, secondo le indicazioni consultabili all'indirizzo: www.unicef.it.

red-stt/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech