martedì 06 dicembre | 11:44
pubblicato il 03/set/2013 18:18

Siria: Unicef, emergenza scuola, 1,9 mln bambini hanno lasciato aule

Siria: Unicef, emergenza scuola, 1,9 mln bambini hanno lasciato aule

(ASCA) - Roma, 3 set - Circa 1,9 milioni di studenti siriani della scuola dell'obbligo (tra il 1* e il 9* anno) hanno lasciato la scuola nell'ultimo anno scolastico: il 39% dei 4.860.000 studenti registrati, secondo gli ultimi dati del ministero dell'Istruzione.

Lo denuncia l'Unicef in una nota precisando che oltre 3.000 scuole nel paese sono state danneggiate o distrutte e oltre 930 sono utilizzate come rifugi per sfollati. Le province di Idlib e di Aleppo sono le piu' colpite dalla crisi, con oltre 1.200 scuole danneggiate o distrutte; la frequenza scolastica e' scesa fino al 23% ad Aleppo e al 30% ad Idlib. Laddove le scuole sono ancora in funzione, l'afflusso di bambini sfollati implica che non ci sono abbastanza classi, arredi, materiali scolastici e per l'insegnamento.

In tale quadro di piena emergenza l'Unicef, con il ministero dell'Istruzione e Unrwa, lancera' questo mese un programma per l'apprendimento a domicilio che permettera' ad oltre 400.000 bambini coinvolti nelle zone piu' calde del conflitto di continuare a seguire il programma di studi nazionale.

L'istruzione - sottolinea l'agenzia Onu per l'Infanzia - e' estremamente importante: questo settore ha subito molti colpi a cominciare dallo scoppio del conflitto due anni e mezzo fa e molti bambini stanno subendo pressioni e assumendo responsabilita' che nessun bambino dovrebbe sopportare. Fare in modo che i bambini abbiano la possibilita' di imparare, anche se solo per poche ore al giorno, li protegge e consente loro di rimanere in un percorso di vita quanto piu' normale possibile.

Nel complesso l'Unicef sta lavorando per assistere centinaia di migliaia di bambini perche' continuino a studiare: 70 classi prefabbricate, su un totale di 300, sono gia' nei governatorati in cui le infrastrutture scolastiche sono state maggiormente danneggiate. L'Unicef ha fornito cartelle (con all'interno materiali di cancelleria) per oltre un milione di bambini in tutti e 14 i governatorati. Migliaia di kit per l'apprendimento e l'insegnamento, forniture ricreative e materiali per l'istruzione per la prima infanzia stanno per essere consegnati.

Sono necessari 20milioni di dollari aggiuntivi per stampare e distribuire 8 milioni di libri di testo e per riabilitare le infrastrutture scolastiche.

Da qui l'invito a donare un contributo per l'emergenza Siria, secondo le indicazioni consultabili all'indirizzo: www.unicef.it.

red-stt/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari