sabato 21 gennaio | 03:43
pubblicato il 05/set/2013 17:13

Siria: crescono adesioni alla veglia di pace, preghiera senza confini

Siria: crescono adesioni alla veglia di pace, preghiera senza confini

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 5 set - E' sempre piu' ampia e senza confini l'adesione alla Giornata di preghiera e digiuno per la pace in Siria indetta da papa Francesco per sabato prossimo. Nel piccolo villaggio cristiano di Maaloula, a nord di Damasco, simbolo della cristianita' in Siria e luogo di pellegrinaggio per fedeli cristiani e musulmani, scrive Radio Vaticana, si prega gia' per la pace, mentre si e' sotto la minaccia diretta di gruppi armati. L'importanza che ha per le comunita' locali la vicinanza del papa e' testimoniata anche da padre Nawras Sammour, responsabile per il Medio Oriente e il Nord Africa del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati, che in una telefonata alla Fondazione di diritto pontificio Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs) da Aleppo condanna la possibilita' di un intervento armato, ricordando che le parole del papa sono state apprezzate anche dal Gran Mufti' del Paese, Ahmad Badreddin Hassou, che ha espresso il desiderio di poter pregare sabato in piazza San Pietro.

Anche Maria Saadeh, deputato al parlamento di Damasco e di fede greco-cattolica, si sente vicina al papa e alla ''Santa Sede che conosce bene la nostra cultura e puo' sostenere i nostri sforzi per la pace e per fermare la violenza''. Forti si levano voci anche altrove, nel mondo: in Indonesia, cattolici e musulmani pregheranno uniti in comunione con il papa, sottolineando che ''le armi non rappresentano la soluzione per dirimere i conflitti'', mentre a Hong Kong il cardinale John Tong esorta i fedeli alla preghiera e a celebrare la giornata di digiuno per ottenere la pace mondiale a lungo termine. Molte le iniziative intraprese dalle Chiese dell'America Latina, mentre vicinanza e solidarieta' e' stata espressa anche dai Paesi geograficamente piu' vicini alla Siria: le comunita' maronite libanesi, ad esempio, invitano tutto il popolo del Libano e pregare con il papa. Dall'Iraq, il Patriarca di Babilonia dei caldei, Louis Raphael Sako I, richiama tutta la Chiesa locale a condividere la Giornata di preghiera e digiuno, mentre in Egitto - altro Paese sconvolto dalle violenze - il portavoce dei vescovi cattolici, padre Rafic Greiche, testimonia l'ottima accoglienza che l'iniziativa ha trovato presso la popolazione, che nelle notti di venerdi' e sabato prossimi si raccogliera' nelle chiese per momenti speciali di preghiera comunitaria, adorazioni e celebrazioni eucaristiche.

dab/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4