domenica 04 dicembre | 11:09
pubblicato il 05/set/2013 17:13

Siria: crescono adesioni alla veglia di pace, preghiera senza confini

Siria: crescono adesioni alla veglia di pace, preghiera senza confini

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 5 set - E' sempre piu' ampia e senza confini l'adesione alla Giornata di preghiera e digiuno per la pace in Siria indetta da papa Francesco per sabato prossimo. Nel piccolo villaggio cristiano di Maaloula, a nord di Damasco, simbolo della cristianita' in Siria e luogo di pellegrinaggio per fedeli cristiani e musulmani, scrive Radio Vaticana, si prega gia' per la pace, mentre si e' sotto la minaccia diretta di gruppi armati. L'importanza che ha per le comunita' locali la vicinanza del papa e' testimoniata anche da padre Nawras Sammour, responsabile per il Medio Oriente e il Nord Africa del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati, che in una telefonata alla Fondazione di diritto pontificio Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs) da Aleppo condanna la possibilita' di un intervento armato, ricordando che le parole del papa sono state apprezzate anche dal Gran Mufti' del Paese, Ahmad Badreddin Hassou, che ha espresso il desiderio di poter pregare sabato in piazza San Pietro.

Anche Maria Saadeh, deputato al parlamento di Damasco e di fede greco-cattolica, si sente vicina al papa e alla ''Santa Sede che conosce bene la nostra cultura e puo' sostenere i nostri sforzi per la pace e per fermare la violenza''. Forti si levano voci anche altrove, nel mondo: in Indonesia, cattolici e musulmani pregheranno uniti in comunione con il papa, sottolineando che ''le armi non rappresentano la soluzione per dirimere i conflitti'', mentre a Hong Kong il cardinale John Tong esorta i fedeli alla preghiera e a celebrare la giornata di digiuno per ottenere la pace mondiale a lungo termine. Molte le iniziative intraprese dalle Chiese dell'America Latina, mentre vicinanza e solidarieta' e' stata espressa anche dai Paesi geograficamente piu' vicini alla Siria: le comunita' maronite libanesi, ad esempio, invitano tutto il popolo del Libano e pregare con il papa. Dall'Iraq, il Patriarca di Babilonia dei caldei, Louis Raphael Sako I, richiama tutta la Chiesa locale a condividere la Giornata di preghiera e digiuno, mentre in Egitto - altro Paese sconvolto dalle violenze - il portavoce dei vescovi cattolici, padre Rafic Greiche, testimonia l'ottima accoglienza che l'iniziativa ha trovato presso la popolazione, che nelle notti di venerdi' e sabato prossimi si raccogliera' nelle chiese per momenti speciali di preghiera comunitaria, adorazioni e celebrazioni eucaristiche.

dab/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari