martedì 21 febbraio | 18:04
pubblicato il 03/ago/2011 13:13

Sindaco Castellammare denuncia: gare deserte per colpa camorra

Luigi Bobbio: in gioco bandi per assegnare chioschi e spiagge

Sindaco Castellammare denuncia: gare deserte per colpa camorra

Milano, 3 ago. (askanews) -Bandi pubblici per assegnare chioschi o spiagge che vanno deserti per colpa della camorra. Così attività economicamente valide restano chiuse. E' la denuncia del sindaco di Castellammare di Stabia, l'ex magistrato Luigi Bobbio, che spiega la situazione con due esempi. In primo luogo i chioschi dell'Acqua della Madonna, chiusi da quando l'ultima gara, avvenuta durante la precedente amministrazione, venne annullata dalla Prefettura perché truccata.La storia si è ripetuta per le spiagge libere attrezzate, il primo bando che avrebbe permesso al vincitore di affittare sdraio, lettini o ombrelloni, è andato a vuoto.A breve sarà ripubblicato il bando sulle spiagge ma Bobbio teme che anche questa volta non andrà a buon fine. L'ennesima occasione mancata di sviluppo per Castellammare.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia