sabato 03 dicembre | 13:06
pubblicato il 22/lug/2014 12:00

Sigilli allo storico locale jazz di Roma Alexanderplatz

Sfratto moroso 8 luglio;appello gestore:Comune intervenga o addio

Sigilli allo storico locale jazz di Roma Alexanderplatz

Roma, 22 lug. (askanews) - Sigilli allo storico locale jazz di Roma Alexanderplatz. Il locale, in via Ostia 9, a due passi dal Vaticano, è stato chiuso l'8 luglio scorso dall'ufficiale giudiziario in seguito a uno sfratto moroso. All'Alexanderplatz, nato dall'idea e dalla passione per la musica della famiglia Rubei esattamente trent'anni fa, sono passati i più grandi jazzisti, italiani e stranieri, le cui firme ricoprono le pareti del locale quasi per intero. Il jazz club negli ultimi mesi ha dovuto cancellare alcune date in vista dello sfratto imminente, divenuto esecutivo due settimane fa. Il direttore artistico del locale, Eugenio Rubei, ha lanciato un appello al Comune di Roma, affinché i sacrifici della sua famiglia non siano cancellati per sempre: "Stiamo cercando degli aiuti per aprire una scuola di musica dentro l'Alexanderplatz, basterebbe un contributo minimo (poche migliaia di euro) del Comune per evitare la chiusura definitiva", ha spiegato al telefono con TmNews. Il padre di Eugenio, Giampiero Rubei, è lo stesso che ha gestito negli ultimi tempi la Casa del Jazz, attualmente data in appalto agli organizzatori della Festa dell'Unità democratica, e la rassegna di Villa Celimontana, che quest'anno incredibilmente non è entrata in graduatoria per ricevere i fondi del Comune di Roma. L'Alexanderplatz invece si è sempre retto sulle finanze private della famiglia Rubei. "Trent'anni di lavoro e mai un contributo pubblico - ha ricordato il direttore artistico del jazz club di zona Prati - portare avanti un'attività culturale nel mondo del jazz non è certo redditizio. Con la morte di Gianni Borgna (ex assessore alla Cultura del Comune di Roma, ndr) è crollata un'impalcatura di progettualità. Chiediamo al Comune di intervenire per salvare l'Alexanderplatz". Il tempo stringe: la data ultima per trovare una soluzione è quella del 28 luglio. Se l'Alexanderplatz non riuscirà a riaprire i battenti, mentre diverse rassegne sono state cancellate, la scena jazz della Capitale rischia di non riprendersi tanto facilmente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari