domenica 11 dicembre | 07:48
pubblicato il 08/dic/2011 17:15

Sigeoma, dalla Nigeria a Palermo per ritrovare la vita

Un intervento chirurgico l'ha salvata da una grave cardiopatia

Sigeoma, dalla Nigeria a Palermo per ritrovare la vita

Palermo (askanews) - Ha occhi tristi ma riconoscenti, un sorriso appena accennato, le mani giunte, l'espressione di leggero imbarazzo. Sigeoma ha 19 anni, è nigeriana ed è nata con una grave malformazione cardiaca. Ora sta bene, la sua vita non è più in pericolo grazie a un gruppo di volontari dell'Associazione Solaria di Palermo, che l'ha fatta venire in Italia a proprie spese affinché potesse essere sottoposta a un delicato intervento chirurgico all'Ismett, centro sanitario all'avanguardia, come spiega Giacomo Vernengo, pediatra dell'associazione. Il caso di Sigeoma è il quarto a essere risolto grazie al programma di medicina umanitaria dell'associazione siciliana. La mancanza di fondi ha fatto tramontare l'ipotesi di creare una struttura sanitaria nei Paesi interessati, rendendo necessaria una diversa forma di assistenza. Sigeoma ha ripreso a camminare e a mangiare normalmente anche se il cibo italiano non le piace tanto. Presto tornerà in Nigeria dove per un po' sarà tenuta sotto controllo da un'equipe medica locale.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina