giovedì 19 gennaio | 14:44
pubblicato il 23/nov/2011 21:34

Sicurezza Roma/Agguato Ostia,tra ipotesi droga e gioco d'azzardo

Nel quartiere circolano anche voci di un debito non pagato

Sicurezza Roma/Agguato Ostia,tra ipotesi droga e gioco d'azzardo

Roma, 23 nov. (askanews) - Si scava nel passato di Francesco Antonini e Giovanni Galeoni, per arrivare al possibile movente dell'agguato in cui sono rimasti vittime ieri sera a Ostia. I due hanno precedenti per droga, armi, gioco d'azzardo legato ai videopoker e usura, quindi è in questo ambito che si tracciano alcune possibili ipotesi investigative. Galeoni, nell'operazione Anco Marzio, era stato anche indagato per associazione a delinquere di stampo mafioso, mentre Antonini solo per associazione a delinquere. A Ostia circola la voce anche di un debito non pagato, come possibile movente del duplice omicidio. E secondo le persone del quartiere le due vittime sarebbero i proprietari del bar in ristrutturazione in via Antonio Forni, davanti al quale è avvenuto l'agguato. Ma il titolare effettivo risulta un'altra persona. E c'è anche chi dice di aver visto litigare in strada una settimana fa le due vittime con un uomo. Al momento, gli investigatori non tralasciano alcuna direzione. Per quanto riguarda la dinamica dell'agguato chi indaga parla di almeno due killer, ma potrebbero anche essere stati quattro, che sono scesi da un'auto davanti al locale in ristrutturazione. Galeoni è stato colpito in strada, ed è poi deceduto durante il trasporto in ospedale, mentre Antonini ha cercato rifugio all'interno del locale, ma è stato freddato. A terra sono stati ritrovati i bossoli di almeno sette colpi. Domani sarà condotta l'autopsia, per chiarire il numero dei colpi esplosi e le cause della morte. Ieri sera, inoltre, due persone, uno che risulta il titolare del bar e un operaio che eseguiva i lavori all'interno del locale, sono stati ascoltati dalla Polizia: si erano allontanati con l'auto di una delle vittime, Antonini, la quale aveva il lunotto sfondato da alcuni colpi di proiettile. I due hanno detto di aver usato l'auto per fuggire. Oggi si è riunito proprio ad Ostia, per dare un segnale forte, il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto Giuseppe Pecoraro. Nell'ambito del Comitato operativo è stata sottolineata la necessità di "mantenere alta la pressione sul territorio di Ostia". Già dal periodo giungo-novembre 2011 la Questura di Roma aveva implementato del 12,5% in più la presenza degli agenti, con 160 pattuglie in più impiegate, rispetto allo scorso anno, sul solo territorio di Ostia. Inoltre subito dopo l'agguato il questore di Roma Francesco Tagliante ha istituito una task force investigativa ad hoc per il territorio del litorale laziale e ha disposto anche l'impiego di otto volanti in più a Ostia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Allarme Clima, il 2016 è stato l'anno più caldo di sempre
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale