domenica 22 gennaio | 03:20
pubblicato il 01/ago/2012 05:10

Sicilia/Lombardo si è dimesso, elezioni anticipate a ottobre

Il Governatore lascia come promesso a Monti dopo 4 difficili anni

Sicilia/Lombardo si è dimesso, elezioni anticipate a ottobre

Palermo, 1 ago. (askanews) - Come da impegno preso nelle scorse settimane con il Premier Mario Monti, il Governatore della Sicilia Raffaele Lombardo si è dimesso e la Regione tornerà alle urne con un anno di anticipo sulla scadenza naturale della cinquasettesima legislatura, l'ultimo fine settimana di ottobre: il 28 e il 29. Il discorso di congedo del presidente uscente della Regione davanti all'Assemblea regionale , dopo quattro anni di governo con maggioranze divesre e sotto il peso delle difficoltà del bilancio della regione e dell'inchiesta giudiziaria su suen presunte frequentzioni mafiose, è durato una ventina di minuti Durante i quali il Governatore non ha dimenticato di sottolineare come la sua decisione abbia "una motivazione politica", quella cioè "di consentire ai siciliani di non essere considerati merce di scambio, e di autodeterminare il proprio futuro politico andando a votare il 28 e 29 ottobre. I partiti nazionali e l'autonomia - ha detto - sono ontologicamente incompatibili". Sulle recenti voci relative all'imminente "crac" della Regione, Lombardo, ha ripetuto: "Si è gridato al fallimento della Sicilia, seguendo una tattica politica e mediatica disonesta e criminale. Anche per far abbassare il rating, per minacciare la povera gente, per insultare i nostri precari o i nostri forestali". Infine, prima di congedarsi definitivamente dall'aula che lo vide presidente il 14 aprile 2008, Raffaele Lombardo ha auspicato che il percorso e l'azione riformista del suo governo possa continuare in futuro. Un iter che passa attraverso "un confronto duro con lo Stato. Di modo tale che - ha concluso -, o si instaura un rapporto pattizio, che è alla base dello Statuto speciale più volte calpestato, oppure si traggano le dovute conclusioni e si separino le nostre strade". Mandato definitivamente in archivio il 57esimo governo regionale siciliano, adesso l'isola si prepara ad una campagna elettorale quantomai incerta, e con i diversi schieramenti che entro agosto giurano di serrare le fila e definire lo scacchiere delle candidature. L'appuntamento con le urne è fissato per il 28 e 29 ottobre ma, come lo stesso Lombardo ha lasciato intendere, non è escluso che la data possa essere anticipata ancora.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4