venerdì 02 dicembre | 19:40
pubblicato il 01/ago/2012 05:10

Sicilia/Lombardo si è dimesso, elezioni anticipate a ottobre

Il Governatore lascia come promesso a Monti dopo 4 difficili anni

Sicilia/Lombardo si è dimesso, elezioni anticipate a ottobre

Palermo, 1 ago. (askanews) - Come da impegno preso nelle scorse settimane con il Premier Mario Monti, il Governatore della Sicilia Raffaele Lombardo si è dimesso e la Regione tornerà alle urne con un anno di anticipo sulla scadenza naturale della cinquasettesima legislatura, l'ultimo fine settimana di ottobre: il 28 e il 29. Il discorso di congedo del presidente uscente della Regione davanti all'Assemblea regionale , dopo quattro anni di governo con maggioranze divesre e sotto il peso delle difficoltà del bilancio della regione e dell'inchiesta giudiziaria su suen presunte frequentzioni mafiose, è durato una ventina di minuti Durante i quali il Governatore non ha dimenticato di sottolineare come la sua decisione abbia "una motivazione politica", quella cioè "di consentire ai siciliani di non essere considerati merce di scambio, e di autodeterminare il proprio futuro politico andando a votare il 28 e 29 ottobre. I partiti nazionali e l'autonomia - ha detto - sono ontologicamente incompatibili". Sulle recenti voci relative all'imminente "crac" della Regione, Lombardo, ha ripetuto: "Si è gridato al fallimento della Sicilia, seguendo una tattica politica e mediatica disonesta e criminale. Anche per far abbassare il rating, per minacciare la povera gente, per insultare i nostri precari o i nostri forestali". Infine, prima di congedarsi definitivamente dall'aula che lo vide presidente il 14 aprile 2008, Raffaele Lombardo ha auspicato che il percorso e l'azione riformista del suo governo possa continuare in futuro. Un iter che passa attraverso "un confronto duro con lo Stato. Di modo tale che - ha concluso -, o si instaura un rapporto pattizio, che è alla base dello Statuto speciale più volte calpestato, oppure si traggano le dovute conclusioni e si separino le nostre strade". Mandato definitivamente in archivio il 57esimo governo regionale siciliano, adesso l'isola si prepara ad una campagna elettorale quantomai incerta, e con i diversi schieramenti che entro agosto giurano di serrare le fila e definire lo scacchiere delle candidature. L'appuntamento con le urne è fissato per il 28 e 29 ottobre ma, come lo stesso Lombardo ha lasciato intendere, non è escluso che la data possa essere anticipata ancora.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari